Menu Chiudi

Risultati della ricerca per: mondiali giovanili kyiv

Rip-It: ultima gara di selezione! Europei e Mondiali juniores, chi sono i favoriti?

Dal 25 giugno al 1° luglio si terranno i Campionati Europei giovanili di Helsinki, il primo di tre appuntamenti di grande interesse per la nazionale giovanile italiana di tuffi: a essi seguiranno i Mondiali juniores di Kyiv, che saranno prova di selezione per i Giochi Olimpici Giovanili di Buenos Aires.

Dopo Trofeo di Natale e Campionati di Categoria indoor, il Gran Premio Azzurri d’Italia iniziato questa mattina costituisce la terza e ultima prova di selezione per chi aspira a far parte dell’Italtuffi giovanile: come da tradizione, TuffiBlog vi offre il riassunto per ogni categoria e specialità, così da capire chi sono i favoriti – fermo restando che sarà il responsabile federale della nazionale giovanile, Domenico Rinaldi, ad avere l’ultima parola sulle convocazioni!

Hanno diritto alla partecipazione ai Campionati Europei giovanili, nella stessa specialità, se rimangono nella stessa categoria, i detentori di medaglia dell’edizione precedente: purtroppo non è il caso degli azzurrini, in quanto i medagliati hanno tutti cambiato categoria (Porco e Cosoli sono senior, Pellacani è passata tra gli Juniores). Pertanto ci si limiterà alla somma dei due migliori punteggi in stagione, a condizione di aver conseguito nell’arco della stagione agonistica in corso il punteggio limite richiesto.

Nelle tabelle troverete evidenziati in verde i punteggi validi per gli Eurojuniors, evidenziati in giallo i punteggi che superano il limite richiesto per i Campionati Mondiali giovanili, limite che deve essere superato due volte per essere certi della qualificazione: in alternativa, i tuffatori azzurri presenti agli Europei giovanili dovranno classificarsi almeno sesti in individuale o almeno quarti nel sincro.

Iniziamo con la categoria juniores femmine da 1 metro (punteggio limite: 346), dove per ora l’unica ad avere i requisiti, sia per gli Europei che per i Mondiali, è Chiara Pellacani (MR Sport Fratelli Marconi).

 

Lo stesso vale per il trampolino 3 metri juniores: ancora una volta Chiara Pellacani è l’unica ad aver raggiunto quota 363, il limite per gli Europei giovanili (per ben tre volte in stagione).

 

Dalla piattaforma, oltre alla Pellacani, anche la compagna di squadra Giulia Vittorioso (MR Sport Fratelli Marconi) ha raggiunto il limite richiesto di 315 punti e quindi prenderà parte per la quarta volta consecutiva agli Europei giovanili.

 

Nessuno tra gli juniores maschi ha raggiunto finora il limite per gli Europei Giovanili (419 punti): ci sono andati vicini Loris Sembiante (Fiamme Oro) e Davide Baraldi (Canottieri Milano), finiti rispettivamente a meno di 4 e meno di 6 punti dalla qualifica.

 

Più confortante la situazione da 3 metri: Davide Baraldi ha raggiunto il minimo di 461 punti al Trofeo di Natale e al momento conduce la classifica, mentre Antonio Volpe (Cosenza Nuoto) lo ha fatto in tutte le gare meno una.

 

Due atleti con il “minimo” anche dalla piattaforma: Antonio VolpeLoris Sembiante hanno raggiunto e superato quota 406 punti e sono pertanto selezionabili.

 

Passiamo alla categoria Ragazze e partiamo dal trampolino 1 metro (minimo 281 punti): quattro punteggi su quattro validi per Maia Biginelli (Fiamme Oro), due per Lucia Zebochin (Triestina Nuoto): al momento sono le favorite per la selezione, ma occhio a Elettra Neroni (Dibiasi) che ai campionati norvegesi ha ottenuto il secondo miglior punteggio nazionale della categoria ed è quindi anch’essa selezionabile, sebbene abbia al momento una cinquantina di punti di ritardo dalla Zebochin.

 

Le stesse atlete sono selezionabili anche da 3 metri (minimo 307 punti), ma cambiano i rapporti di forza: Zebochin è al momento prima, Neroni terza, mentre Biginelli attende di ottenere il secondo punteggio stagionale nelle competizioni nazionali.

 

Neroni e Biginelli sono anche le due atlete ad aver superato, almeno finora, il minimo di 265 punti richiesto per la selezione dalla piattaforma.

 

Situazione molto competitiva in campo maschile, con ben quattro atleti selezionabili da 1 metro (minimo 322): Edoardo Semeria (Canottieri Milano) ha già raggiunto anche la qualificazione ai Mondiali di Kyiv, avendo ben tre punteggi validi rispetto ai due richiesti. Ben piazzati anche Riccardo Giovannini (Fiamme Oro) e Kay Torres Garcia (Carabinieri), che probabilmente si giocheranno il secondo posto a disposizione. Selezionabile, ma piuttosto lontano dalla concorrenza, Stefano Belotti (Bergamo Tuffi).

 

Classifica invertita per quanto riguarda il trampolino 3 metri (minimo 367): Belotti ha infatti i due punteggi utili per i Mondiali, anche se in campo nazionale è insidiato da Giovannini Torres Garcia. Più staccato, ma pienamente in corsa, anche Semeria.

 

Sono addirittura cinque, invece, i selezionabili dalla piattaforma (minimo 325 punti). Ai già citati Giovannini (primo), Belotti (secondo) e Torres Garcia (quarto) si aggiungono infatti Tommaso Zannella (MR Sport Fratelli Marconi), al momento terzo in classifica, e Francesco Casalini (Bergamo Tuffi), al momento quinto.

Rip-It: Europei e Mondiali Giovanili, il punto sulle selezioni.

 

A Helsinki, dal 25 giugno al 1° luglio, si terranno i Campionati Europei giovanili, primo di una serie di appuntamenti internazionali di grandissimo livello per la nazionale giovanile: a fine luglio infatti ci saranno i Campionati Mondiali giovanili (a Kyiv), che saranno anche prova di selezione per le Olimpiadi Giovanili di Buenos Aires!

Il Gran Premio Azzurri d’Italia sarà la terza e ultima prova di selezione per la qualificazione degli aspiranti tuffatori: dopo quest’ultimo appuntamento a fine maggio, infatti, il responsabile federale della nazionale giovanile Domenico Rinaldi tirerà le somme e farà le convocazioni.

Come da tradizione, TuffiBlog vi offre il riassunto della situazione di ogni categoria e di ogni specialità, per capire chi sono al momento i probabili convocati!

Hanno diritto alla partecipazione ai Campionati Europei giovanili, nella stessa specialità, se rimangono nella stessa categoria, i detentori di medaglia dell’edizione precedente.
A completamento la selezione sarà disputata sulle tre prove, con la somma dei due migliori punteggi, a condizione di aver conseguito nell’arco della stagione agonistica in corso il punteggio limite richiesto.

Nelle tabelle troverete evidenziati in verde gli atleti che hanno raggiunto almeno una volta il punteggio minimo richiesto per la selezione agli Eurojuniors, evidenziati in giallo i punteggi che superano il limite richiesto per essere convocati ai Campionati Mondiali giovanili.

Iniziamo con la categoria juniores femmine da 1 metro (punteggio limite: 346), dove per ora l’unica ad avere i requisiti è Chiara Pellacani.

Trampolino 3 metri categoria juniores femmine (punteggio limite: 363), dove ancora una volta troviamo solo la Pellacani ad aver raggiunto e superato il punteggio.

Sempre per la categoria juniores femmine, ecco la situazione dalla piattaforma (limite: 315) e anche qui per ora è la sola Pellacani , ma la Vittorioso non è poi così lontana.

In campo maschile, per la categoria juniores maschi dal trampolino di 1 metro, nessuno ha raggiunto il punteggio limite  di 419 punti, ma come somma di punteggi è in vantaggio Loris Sembiante, seguito da Davide Baraldi.

Dal trampolino di 3 metri, sempre per gli juniores maschi, sia Davide Baraldi che Antonio Volpe hanno ottenuto il pass per gli Europei (461 punti), con Baraldi che guida la classifica con un buon vantaggio.

Dalla piattaforma invece solo Antonio Volpe ha superato i 406 punti richiesti, ma anche Sembiante ci si è avvicinato parecchio.

Per la categoria ragazzi per il trampolino 1 metro femminile Maia Biginelli è in testa sia per la somma dei punteggi sia perchè è l’unica attualmente ad aver superato i 281 punti richiesti. Ma anche molte altre atlete, in primis Lucia Zebochin, sono arrivate molto vicine al conseguimento del punteggio.

Per il trampolino di 3 metri è proprio la Zebochin a guidare le selezioni: solo lei infatti ha raggiunto i 307 punti utili per essere selezionate. Bene anche la Biginelli, che ha all’attivo una sola gara, ma con il punteggio quasi “in tasca”.

Maia Biginelli, nonostante abbia disputato una sola gara dalla piattaforma, è l’unica ora come ora che potrebbe essere presa in considerazione, in virtù del fatto che ha abbondantemente superato i 265 punti richiesti.

Nella categoria ragazzi Edoardo Semeria e Riccardo Giovannini hanno raggiunto sia il punteggio limite per gli Eurojuniors (322 punti) che per i Mondiali giovanili (357), con Kay Torres che vi si è avvicinato all’ultima gara disputata.

Dal trampolino di 3 metri la situazione si fa complicata, ma molto avvincente: sono ben 4 gli atleti ad aver superato il punteggio limite di 367 punti, e quindi l’ultima prova sarà decisiva. Guida Stefano Belotti, il più giovane, ma è praticamente a pari punti con Giovannini e Torres.

Riccardo Giovannini, dalla piattaforma, guida le selezioni anche dalla piattaforma, avendo raggiunto i punti sia per Europei (325) che per Mondiali giovanili (371), ma Belotti è subito dietro di lui, nonostante sia un esordiente di categoria.

#divingkyiv2017, Piattaforma donne: oro britannico con Lois Toulson

La seconda e ultima finale giornaliera degli Europei di Kiev, la piattaforma femminile, si è conclusa da poco; a vincere la gara è stata la britannica Lois Toulson, 18 anni il prossimo settembre, la più costante del gruppo delle dodici finaliste.

Questa mattina in eliminatoria si sono presentate solo tredici tuffatrici, cosa che ha permesso a molte “big” di rilassarsi e, forse, di fare strategia; si sono distinte le due tedesche Kurjo e Wassen, ma davanti a loro si sono classificate la russa Timoshinina, volata oltre 318 punti, e l’ucraina Lyskun, 15 anni compiuti a febbraio e alla prima gara internazionale “senior” dopo il podio a Kazan ai mondiali giovanili. Ad andare fuori l’esordiente francese Maissam Naji.

 

In finale si sono visti parecchi errori dovuti alla tensione, con le favorite della vigilia Maria Kurjo e Laura Marino un po’ rigide in avvio e staccate rispetto al gruppo. La Toulson e la giovane russa Anna Chuinyshena, esordiente assoluta (nata nel 2000) hanno ingaggiato un interessante testa a testa, lo spunto migliore di questa gara. A prevalere è stata la britannica, ma non di molto, segno che se la sono giocata punto a punto. A fare la differenza la sua maggiore costanza, con quattro tuffi sopra 65 punti, mentre la russa può vantare il tuffo migliore della gara, il doppio e mezzo indietro con avvitamento da 76.80 che le ha garantito l’argento.

Per la Toulson 330.75 punti e la medaglia d’oro, terza britannica nella storia di questa specialità dopo White (nel 1927) e Barrow (2014), mentre la Russia interrompe un digiuno di ben quattro anni con una doppia medaglia, cosa mai riuscita dai tempi dell’URSS; terza è infatti la Timoshinina con 313.30 punti. Ottima figura della già citata Lyskun, quinta all’esordio con un rispettabile punteggio di 293 punti, e di Christina Wassen, medaglia di legno con quasi 296 punti.

 

Il programma di domani prevede il metro uomini con Giovanni Tocci e Tommaso Rinaldi (eliminatoria alle 9, finale alle 17) e il sincro piattaforma femminile con Noemi Batki e Chiara Pellacani (finale diretta alle 15.30).

Ukrainian Open: aperti… al pubblico! Video integrali e risultati

Nel corso della scorsa settimana si è tenuta l’Ukrainian Open Diving Cup, competizione di livello assoluto che ha visto la partecipazione di 80 atleti ucraini ma anche di cinque delegazioni straniere, provenienti da Armenia, Bielorussia, Bulgaria, Georgia e Serbia, nonché di una manciata di atleti in rappresentanza di college americani.

Siamo rimasti sorpresi dal fatto che la competizione abbia visto una limitata presenza di pubblico, permettendo l’ingresso di circa 200 persone: ciò è stato reso possibile dal fatto che l’impianto è il centro di preparazione olimpica del paese, il LIKO Center che ha ospitato gli ultimi due Europei di tuffi, nel 2017 e nel 2019.

NewSplash: online il Regolamento Federale Tuffi 2020/21, tutte le novità!

Un ritorno, faticoso ma speranzoso, alla normalità: come ogni autunno, sul sito ufficiale della Federazione Italiana Nuoto è stata rilasciata la nuova versione del regolamento federale per il settore tuffi, che apporta aggiustamenti e novità alle competizioni italiane e rende noti tutti i criteri di selezione per poter far parte della Squadra Nazionale, assoluta o giovanile.

Sono poche le novità della stagione agonistica 2020/21, concentrate principalmente sulle manifestazioni nazionali – piccoli aggiustamenti allo svolgimento delle gare e alla loro efficienza, e diverse variazioni ai criteri di selezione.

NewSplash: tuffi internazionali, la situazione per il 2020… e quella per il 2021

La Federazione Internazionale del nuoto (FINA) sta monitorando da mesi la pandemia da COVID-19, guidata dall’imperativo assoluto di salvaguardare la salute e la sicurezza degli atleti, degli allenatori, di tutti i volontari e i lavoratori coinvolti a vario titolo e del pubblico. Questo ha portato a vari rinvii e cancellazioni delle gare internazionali nel corso dell’anno in corso, compresa quella più importante – i Giochi Olimpici di Tokyo e i Campionati Mondiali di Fukuoka, posticipati di un anno rispettivamente al 2021 e al 2022.

A fine luglio è iniziato un nuovo round di incontri in videoconferenza che ha portato a diverse decisioni per il proseguimento di questa stagione e lo svolgimento della successiva.

Trofeo di Natale: Bolzano – al via la stagione agonistica!

Pronti, partenza… VIA! Questo fine settimana, con il Trofeo di Natale, alla piscina “Karl Dibiasi” di Bolzano riprenderà la stagione agonistica di tuffi, che culminerà ad agosto con i Giochi Olimpici di Tokyo.

La città altoatesina attende quindi tutti i tuffatori italiani delle categorie Ragazzi, Juniores e Seniores, che avranno così modo di testare la loro condizione in vista del nuovo anno. Ma per le categorie giovanili questo primo appuntamento sarà già molto rilevante: sarà infatti la prima prova di selezione per 8 Nazioni di Ginevra (a marzo), Europei Giovanili di Edimburgo (giugno-luglio 2020) e Mondiali Giovanili di Kyiv (il prossimo inverno).

NewSplash: ecco il calendario della stagione agonistica di tuffi 2020!

Insieme al regolamento 2020 è stato rilasciato il calendario delle gare di tuffi della Federazione Italiana Nuoto per la stagione 2019/2020, una fitta serie di impegni e di appuntamenti importanti, che porteranno gli atleti aspiranti della Nazionale Assoluta a partecipare ai Campionati Europei di Budapest 2020 e a ottenere l’ultima possibilità per qualificarsi ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020, e quelli della Nazionale Giovanile alle qualificazioni per Europei (in Scozia) e Mondiali (in Ucraina) Juniores.

Ricordiamo che le gare per la categoria C3 sono organizzate a livello regionale (e quindi dai comitati regionali FIN di riferimento) e non nazionale; le loro date saranno annunciate più in là, presumibilmente a stagione agonistica iniziata.

On-line il Regolamento Federale Tuffi 2020: quali sono le novità?

 

Sul sito ufficiale della Federazione Italiana Nuoto è stata da poco rilasciata la nuova versione del regolamento federale per il settore tuffi, che apporta parecchie interessanti novità, oltre a rendere noti tutti i criteri di selezione per poter far parte della Squadra Nazionale, assoluta o giovanile.

Per la stagione agonistica 2019/2020 le novità si sono concentrate principalmente sulle manifestazioni nazionali, novità atte a migliorare lo svolgimento delle gare o a renderle più simile alle condizioni che poi i nostri atleti incontreranno all’estero.

Rip-It: Europei, Pan Americani e Asian Cup, scopriamo i pass olimpici ancora in palio!

Nel corso dell’ultimo mese sono stati messi in palio 12 pass olimpici per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020: oltre alla prima chance offerta dai Mondiali di Gwangju, infatti, i campionati continentali assegnano un pass per i vincitori di ciascuna specialità individuale. Sono cinque le competizioni valide per questi pass, e tre sono state già disputate: i Campionati Pan Americani di Lima 2019, i Campionati Europei di Kyiv 2019 e la Asian Diving Cup di Kuala Lumpur 2019.