Menu Chiudi

Campionati Europei giovanili: Rzeszow – ARGENTO per Conte e Pelligra nel sincro piattaforma!

Pubblicato il Campionati Europei, Competitions, Diving, Gare, Giovanile, Nazionale Giovanile, Results, Risultati, Tuffi

Arriva la prima medaglia italiana ai Campionati Europei giovanili di Rzeszow, iniziati ieri pomeriggio: nella finale maschile sincronizzata dalla piattaforma Simone Conte e Raffaele Pelligra conquistano la medaglia d’argento dopo un testa a testa serrato con l’Ucraina per la vittoria! Nella finale femminile da 3 metri si piazzano a metà classifica Viola Bellato e Sofia Conte, in quella da 1 metro Marco Valenti chiude nelle retrovie.

Domani l’esordio individuale dei tuffatori di categoria A (Juniores).

La giornata si è aperta con la finale maschile B (Ragazzi) dal trampolino 1 metro: dopo l’eliminatoria di questa mattina, era in gara per l’Italia il solo Marco Valenti, che partiva dalla dodicesima posizione ottenuta nel turno preliminare. I primi due tuffi liberi sono stati in linea con quelli di questa mattina, mentre purtroppo sull’uno e mezzo rovesciato carpiato ha preso male la tavola in rincorsa e non è riuscito né a eseguire il tuffo, né a fermarsi, ottenendo zero punti e compromettendo definitivamente la sua gara. Per lui quindi ancora il dodicesimo posto con 287.95 punti.

Fuochi d’artificio davanti, con almeno cinque atleti dotati di tuffi degni non solo della categoria superiore, ma anche di quella assoluta. Podio del mattino confermato interamente: a vincere è il tedesco Finn Awe con 403 punti netti, seguito dall’ucraino Valerii Malieiev con 391.90 punti e dall’altro tedesco Louis Forster con 370.35 punti.

 

A seguire la finale femminile B (Ragazze) dal trampolino 3 metri, con le due azzurre Viola Bellato e Sofia Conte che hanno ripetuto la buona prestazione, migliorandosi in punteggio ma purtroppo non in posizione: bassi i coefficienti rispetto a quelli delle altre atlete per poter provare a competere per il podio, con le prime tre tuffatrici racchiuse in meno di un punto e mezzo.

Viola Bellato ottiene 332.60 punti, frutto di due bei tuffi iniziali – il doppio e mezzo avanti carpiato e l’uno e mezzo indietro con un avvitamento e mezzo – e di un doppio e mezzo ritornato che ha raggiunto la sufficienza ma che non era al livello degli altri: per lei il sesto posto, a solo un punto dal quarto posto. Sorte quasi opposta per Sofia Conte, che ha ottenuto il miglior parziale proprio con il doppio e mezzo ritornato; anche per lei una prova più che discreta, con 308.10 punti e l’ottavo posto.

Ancora un podio Germania – Ucraina – Germania, con Nina Berger che la spunta per la lotta per l’oro con 353.85 punti, davanti alla favorita Karina Hlyzhina con 353.15 punti e alla compagna di squadra Zoe Schneider con 352.55 punti.

 

 

 

A chiudere la giornata la doppia gara sincronizzata dalla piattaforma, maschile e femminile, disputate insieme per permettere un maggior tempo di recupero agli atleti: l’Italia era presente ma con una sola coppia, quella formata da Simone Conte e Raffaele Pelligra.

Cinque le coppie in gara al maschile, di cui quattro altamente competitive per coefficienti e qualità: dopo un avvio di gara molto intenso e con tutte le squadre sullo stesso piano, al quarto tuffo Ucraina e Italia hanno “messo il turbo”, approfittando degli errori di Germania e Gran Bretagna, fronteggiandosi per la medaglia d’oro. A spuntarla sono stati, di misura, gli ucraini Danylo Avanesov e Marko Barsukov, forti di una esperienza leggermente maggiore, ma gli azzurri hanno portato a casa un’ottima prova – e naturalmente la medaglia d’argento, eguagliando il miglior risultato degli ultimi anni: gara eccellente per Simone Conte, a Pelligra sono mancati un po’ gli ingressi in acqua puliti, perdendo in un paio di occasioni quei pochi punti che avrebbero potuto ribaltare il risultato finale.

Alle spalle dell’Ucraina con 314.64 punti, e dell’Italia con 306.24 punti, si è consumato un secondo testa a testa: la Gran Bretagna, rappresentata da Jorden Fisher-Eames e Robbie Wood, ha prevalso per soli 85 centesimi nella lotta per il bronzo, aggiudicandoselo con 276.60 punti.

 

Otto invece le coppie per la gara sincro femminile: oro all’Ucraina di Alisa Mieshkova e Diana Shevchenko con 253.44 punti, seguita dalla Gran Bretagna di Libby Duke e Kate Gardner con 241.35 punti e dalla Germania di Jule Eisenberg e Charlotte Lederer con 239.94 punti. Curiosità: cinque delle sei medagliate sono ancora nella categoria Ragazze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link