Menu Chiudi

Rip-It: inizia la corsa alle selezioni giovanili 2023

Pubblicato il Atleti, Diving, Gare, Giovanile, Nazionale Giovanile, Rip-It, Tuffi

Ritorna per il primo appuntamento di questa stagione la nostra rubrica Rip-It, dedicata allo stato delle qualificazioni e delle selezioni per le nazionali. Dopo la prima prova di selezione disputata per la nazionale giovanile (il Trofeo di Natale), è il momento di vedere chi ha raggiunto i minimi richiesti ed è quindi in “pole position” per la partecipazione alle manifestazioni internazionali in stagione.

Il regolamento della Federnuoto, pubblicato a dicembre, stabilisce che hanno diritto alla partecipazione agli Europei giovanili 2023 (date e sede da stabilire, presumibilmente ad agosto) nella stessa specialità e categoria i detentori di medaglie vinte agli Europei di Otopeni 2022: si tratta di Matteo Santoro (MR Sport) ed Elisa Pizzini (Canottieri Milano), per entrambi nelle gare dai trampolini da 1 metro e 3 metri. Gli altri atleti medagliati nell’ edizione dello scorso anno sono saliti di categoria (Simone Conte, Giorgia De Sanctis e Valerio Mosca) o sono usciti dalle categorie giovanili (Stefano Belotti, Francesco Casalini e Tommaso Zannella).

A completamento della squadra, conterà la classifica con la somma dei due migliori punteggi ottenuti tra il Trofeo di Natale, i Campionati di Categoria Indoor, la finale del Gran Premio Atleti Azzurri d’Italia e i Campionati di Categoria Estivi: tuttavia gli atleti dovranno aver raggiunto un punteggio minimo e, se nati nel 2005, dovranno avere anche una serie di coefficienti minimi di difficoltà. Ricordiamo comunque che, anche in presenza di queste classifiche, l’ultima parola spetta al DT della Nazionale Bertone.

In quasi tutte le specialità c’è almeno un atleta che ha raggiunto un punteggio minimo. Iniziamo dalla categoria Juniores, dove in campo femminile abbiamo due atlete oltre la soglia richiesta: Rebecca Ciancaglini (Dibiasi) è l’unica atleta con i requisiti dal trampolino 1 metro ed è in vantaggio dal trampolino 3 metri, dove c’è anche Giorgia De Sanctis (Fiamme Oro); la De Sanctis è a sua volta l’unica tuffatrice con il minimo richiesto dalla piattaforma.

Dal trampolino 3 metri anche Viola Gonini (Carabinieri) ha raggiunto il punteggio richiesto, tuttavia non ha ancora i requisiti di difficoltà richiesti a una tuffatrice al terzo anno di categoria.

(toccare ciascuna classifica per vederla a pieno schermo)

 

In campo maschile sono quattro gli atleti che, tra le varie gare, hanno raggiunto il minimo. Matteo Santoro (MR Sport), Valerio Mosca (MR Sport) e Matteo Cafiero (Fiamme Oro) hanno ottenuto un punteggio sufficiente nelle due gare dal trampolino, con Santoro primatista in entrambe le discipline, Mosca in vantaggio su Cafiero da 1 metro e Cafiero avanti su Mosca da 3 metri.

Mosca ha ottenuto il minimo anche dalla piattaforma, dove il primatista al momento è Simone Conte (MR Sport); ha raggiunto e superato la soglia anche Leonardo Yaku Torres Garcia (Carabinieri), che però, come Gonini, non ha ancora le difficoltà richieste a un atleta del terzo anno.

 

Passiamo alla categoria inferiore: tra le ragazze Viola Bellato (Bergamo Nuoto) ha superato la soglia minima in tutte e tre le specialità, ed è attualmente l’unica candidata dai trampolini; dalla piattaforma è invece seconda dietro Caterina Pellegrini (Triestina Nuoto).

 

Concludiamo con i Ragazzi, dove al momento non c’è nessuno con il punteggio minimo dal trampolino 1 metro – niente di allarmante, con tre prove ancora a disposizione. Nicolò Lintozzi (Dibiasi) è l’unico con un punteggio adeguato dal trampolino 3 metri, mentre sono ben quattro i tuffatori oltre la soglia dalla piattaforma: si tratta di Davide Ugazio (Marina Militare), Raffaele Pelligra (Marina Militare), il già citato Lintozzi e Davide Barberi (Dibiasi), in stretto ordine di classifica.

 

Le stesse considerazioni valgono per il tradizionale meeting giovanile di Dresda, previsto nell’ultimo weekend di aprile, che terrà conto della situazione delle selezioni per le prime due prove nazionali (Trofeo di Natale e Campionati di Categoria indoor). Gli atleti interessati dovranno dunque rispettare gli stessi criteri e limiti.

Concludiamo con una rapida analisi delle selezioni per l’8 Nazioni Giovanile, previsto sulla carta nella seconda metà di marzo in una sede da stabilire (possibile sia la Gran Bretagna, originariamente prevista per il 2023, ma l’evento non si è disputato per tre anni di fila). Per questa gara saranno selezionati due atleti per genere e categoria, prendendo la classifica formata dalla somma dei punteggi da 1 metro e da 3 metri più alta tra quella ottenuta al Trofeo di Natale, o quella che otterranno ai Categoria indoor.

Al momento le rispettive classifiche indicano Davide Barberi, Rebecca Ciancaglini e Nicolò Lintozzi (Dibiasi), Matteo Cafiero e Beatrice Gallo (Fiamme Oro), Viola Gonini (Carabinieri), Viola Bellato (Bergamo Nuoto) e Matteo Santoro (MR Sport), ma ai Categoria si ripartirà “da zero” e anche gli atleti che non hanno dato il meglio a dicembre potranno avere una possibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap