Campionati Europei: Kyiv – Batki sesta, Jodoin ottava; la Lyskun trionfa e vola a Tokyo

La seconda giornata di gare per i Campionati Europei di Kyiv 2019 si chiude con la finale femminile dalla piattaforma, con due azzurre tra le finaliste: la pluricampionessa Noemi Batki e l’esordiente Sarah Jodoin Di Maria hanno affrontato un parterre di tutto rispetto in una gara che, nonostante i molti errori, è stata avvincente e tutt’altro che facile.

Le due italiane hanno gareggiato bene, anche se hanno commesso un errore a testa che è costato loro la possibilità di avvicinare il podio: entrambe hanno infatti sofferto sul rispettivo “tallone d’Achille”, il doppio e mezzo indietro con avvitamento per la Batki e il doppio e mezzo indietro per la Jodoin Di Maria. La triestina, con 275.10 punti e il sesto posto, può comunque “consolarsi” con tre tuffi sopra quota 60 e avendo già conquistato la qualificazione olimpica per Tokyo 2020 ai Campionati Mondiali; l’italo-canadese, ottava con 266.40 punti, ha comunque disputato una buona gara con quattro tuffi sopra i 56 punti e, selezioni italiane permettendo, ha tutte le carte in regola per cercare il pass olimpico alla Coppa del Mondo del prossimo aprile, quando saranno messe in palio non meno di 18 qualificazioni.

Trionfa l’unica atleta di casa, l’ancora juniores Sofia Lyskun (compirà diciotto anni a febbraio), che praticamente senza avversarie segue le orme della grande Yulia Prokopchuk e vince il titolo di campionessa europea con 330.00 punti: per lei, che aveva saltato i Mondiali di Gwangju, anche il pass olimpico che le permetterà di andare ai Giochi di Tokyo 2020. Abdica l’olandese Celine Van Duijn, che riesce comunque a vincere l’argento con 304.50 punti, appena 5 centesimi più di Yulia Timoshinina, che riscatta un mondiale opaco con una medaglia di bronzo.