Rip-It: le selezioni della Nazionale Giovanile!

A tre settimane dagli Europei Giovanili di Kazan’ 2019 (24-30 giugno), è tempo di “fare i conti” anche per i tuffatori delle categorie Junior e Ragazzi e vedere chi potrebbe far parte della nazionale giovanile negli appuntamenti internazionali di questa stagione.

Su TuffiBlog un altro appuntamento con la rubrica Rip-It!, che riepilogherà per voi la situazione dopo il Gran Premio Atleti Azzurri d’Italia, la terza e ultima prova di selezione!

Come per la nazionale assoluta, anche per le categorie Junior e Ragazzi sono state tre le occasioni per ottenere i punteggi per la qualificazione: per loro le gare utili sono state il Trofeo di Natale 2018 a Bolzano, i recenti Campionati Italiani di Categoria indoor di Trieste e il Gran Premio Atleti Azzurri d’Italia a Roma. Conteranno i migliori due punteggi per ciascuna specialità, purché venga acquisito in stagione (anche in altre gare federali, ad esempio in Nazionale) almeno una volta un punteggio minimo, così come annunciato a novembre dal regolamento federale 2019.

Hanno inoltre diritto alla partecipazione a Europei e Mondiali i detentori di medaglia agli Europei di Helsinki 2018 nella stessa specialità, purché restino nella stessa categoria anche quest’anno: tuttavia l’unico atleta a poter usufruire di questo pass in una specialità individuale, Stefano Belotti (Bergamo Tuffi), ha deciso di concentrarsi sulle gare dai trampolini per questa stagione e di rinunciare alla piattaforma.

Vediamo quindi le probabili scelte del responsabile del settore giovanile, Domenico Rinaldi!

 

Iniziamo dalla categoria Junior femminile: dal trampolino 1 metro in quattro hanno raggiunto il punteggio minimo richiesto, ma le atlete con la somma più alta sono Chiara Pellacani (MR Sport) ed Elettra Neroni (Dibiasi).

 

Situazione più definita dal trampolino 3 metri, dove soltanto due atlete hanno raggiunto il minimo: saranno probabilmente Chiara Pellacani (MR Sport) e Giulia Vittorioso (MR Sport) a partecipare in questa specialità agli Europei.

 

Ben cinque, invece, le atlete con il punteggio minimo dalla piattaforma: il testa a testa è stato molto intenso, ma le migliori due di questa classifica sono Chiara Pellacani (MR Sport) e Silvia Murianni (Dibiasi).

 

Passiamo ora ai pari età maschi, dove ben quattro degli atleti selezionabili hanno ottenuto punteggi simili e sono racchiusi in appena un punto e mezzo! Anche se Edoardo Semeria (Canottieri Milano) ha la miglior somma di punteggi, non ha tuttavia raggiunto il minimo richiesto in nessuna delle tre occasioni, impresa invece riuscita sia a Davide Baraldi (Canottieri Milano) sia a Loris Sembiante (Fiamme Oro), che lo seguono nella graduatoria.

 

Quattro anche gli atleti in grado di raggiungere il minimo da 3 metri, e anche in questo caso il leader non è selezionabile: Eduard Timbretti (Blu 2006) non ha la cittadinanza italiana e quindi al momento non può far parte della nazionale giovanile. Riccardo Giovannini (Fiamme Oro) è il primo degli italiani, seguito da Davide Baraldi (Canottieri Milano) che, anche se non ha conseguito il minimo in una gara italiana, lo ha fatto all’8 nazioni giovanile di Madrid, ed è dunque selezionabile a norma di regolamento.

 

Anche dalla piattaforma il leader è Eduard Timbretti (Blu 2006), mentre l’unico altro atleta ad aver conseguito il minimo è Riccardo Giovannini (Fiamme Oro). Starà al responsabile della nazionale giovanile Domenico Rinaldi scegliere se portare un solo azzurro dalla piattaforma, se integrare la squadra con altri atleti o se utilizzare quelli qualificati da altre specialità in questa gara!

 

Passiamo ora alla categoria Ragazzi e partiamo con l’esaminare le gare femminili. Sia da 1 metro, sia da 3 metri, sono state soltanto due le atlete in grado di raggiungere il minimo: si tratta di Elisa Pizzini (Fondazione Bentegodi) e Virginia Tiberti (Canottieri Aniene), che in classifica hanno anche un discreto vantaggio sulle avversarie.

 

Dalla piattaforma, oltre a Virginia Tiberti (Canottieri Aniene), anche Erica Ciancaglini (Dibiasi) ha raggiunto il minimo, vincendo l’ultima gara utile. Sarà dunque lei la seconda qualificata agli Europei.

 

Chiudiamo con le gare maschili dei Ragazzi. Come nelle specialità femminili, anche in quelle maschili due atleti hanno largamente sopravanzato gli altri: si tratta di Stefano Belotti (Bergamo Tuffi) e Matteo Cafiero (Canottieri Milano). Il primo è il leader della classifica da 1 metro, il secondo guida invece la graduatoria da 3 metri.

 

Dalla piattaforma sono invece ben cinque gli atleti che hanno raggiunto il minimo almeno una volta in stagione: mentre Tommaso Zannella (MR Sport) è largamente in testa alla graduatoria, avendo i migliori punteggi stagionali da parte, il testa a testa per il secondo posto ha premiato Francesco Casalini (Bergamo Tuffi), che quindi prenderà il posto del suo compagno di squadra Stefano Belotti nel caso in cui sia confermato ufficialmente che non voglia usufruire del pass dalla piattaforma.

 

A questi quattordici qualificati, infine, dovrebbe aggiungersi anche Maia Biginelli (Fiamme Oro); anche se non si è qualificata in nessuna specialità individuale, ha ottenuto la medaglia d’argento nella gara sincro dalla piattaforma agli Europei dello scorso anno, e il responsabile della nazionale giovanile Rinaldi con ogni probabilità la richiamerà in nazionale anche se è passata di categoria.

Stando così le cose, ecco i possibili componenti della nazionale giovanile azzurra di tuffi: Stefano Belotti Francesco Casalini (Bergamo Tuffi), Virginia Tiberti (Canottieri Aniene), Davide Baraldi Matteo Cafiero (Canottieri Milano), Erica Ciancaglini, Silvia Murianni e Elettra Neroni (Dibiasi), Maia Biginelli, Riccardo GiovanniniLoris Sembiante (Fiamme Oro), Elisa Pizzini (Fondazione Bentegodi), Chiara Pellacani, Giulia Vittorioso Tommaso Zannella (MR Sport)

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


16 + 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.