II FINA High Diving World Cup: location e qualificati (aggiornato)

Orlando Duque - Action

Sarà l’isola di Cozumel, suggestiva location con una forte tradizione per il cliff diving e da molti anni meta di turismo di lusso, a ospitare dall’8 maggio la seconda edizione della Coppa del Mondo FINA dei tuffi dalle grandi altezze. La FINA si sta impegnando a garantire un sostegno adeguato alla nuova disciplina, dopo il buonissimo successo di pubblico ai mondiali di Barcellona del 2013 e alla Coppa del Mondo dello scorso anno a Kazan. È un ritorno nella regione dello Yucatan per gli atleti di questa disciplina, che in passato si sono tuffati nei cenotes di Chichén Itzá all’interno delle Red Bull Cliff Diving World Series – di cui parleremo nel prossimo futuro e che prenderanno il via il 25 aprile da Cartagena de Indias, in Colombia.

Sono dodici gli atleti che hanno guadagnato l’ammissione diretta alla World Cup, in base ai risultati della prima edizione: Orlando Duque (in foto, nella tappa messicana delle World Series 2011), Gary Hunt (Gran Bretagna), Steve LoBue (USA), Artem Silchenko (Russia), Jonathan Paredes (Messico), David Colturi (USA), Anatolii Shabotenko (Ucraina), Michal Navratil (Repubblica Ceca), Andy Jones (USA), Kris Kolanus (Polonia), Blake Aldridge (Gran Bretagna) e Cyrille Oumedjkane (Francia). Fino al 1° aprile, per gli atleti non qualificati è stato possibile proporre la propria partecipazione in base al proprio curriculum, e la FINA darà conto in un secondo momento di eventuali nuovi partecipanti, nel limite di tre atleti per nazionalità (ciò significa che nonera possibile proporre altri atleti dagli Stati Uniti, o che alla Gran Bretagna sarebbe stato concesso al massimo un altro atleta).
Aggiornamento: sono dodici gli atleti ammessi alla World Cup in aggiunta a quelli qualificati direttamente dalla scorsa edizione! Tra questi si conta il nostro Alessandro De Rose, che quindi rappresenterà l’Italia a Cozumel. Gli altri atleti sono i brasiliani Jucelino Alves De Lima, Carlos Bentes Batista e José Wilker Fonseca, il bulgaro Todor Spasov, i colombiani Christian Arayon e Miguel Garcia, lo spagnolo Carlos Gimeno, i messicani Jorge Ferzuli e Sergio Guzman, il russo Ilja Shchurov e l’ucraino Sasha Kutsenko. Non ci saranno eliminatorie: tutti gli atleti eseguiranno l’intero programma di gara.

Dieci sono invece le donne che si ritroveranno nello Yucatan per la Coppa del Mondo femminile: le americane Rachelle Simpson, Ginger Huber, Cesilie Carlton e Tira Hyer Tara, la bielorussa Yana Nestsiarava, la brasiliana Jacqueline Valente, la messicana Adriana Jimenes, la tedesca Anna Bader, l’ucraina Diana Tomilina e la wild card canadese Lysanne Richard.

Le gare sono previste di pomeriggio, che corrisponde a tarda sera qui in Italia: gli orari segnati sono quelli locali.

PROGRAMMA DELLA COMPETIZIONE: 

Venerdì 8 maggio (inizio h 11:35): gara maschile, 3 tuffi (un obbligatorio con DD massima 3.8, un intermedio con DD massima 4.3, un libero).
Sabato 9 maggio (inizio h 12:05): gara femminile, 3 tuffi (un obbligatorio con DD massima 2.6, due liberi); il terzo tuffo, libero, sarà eseguito in ordine inverso di classifica.
Domenica 10 maggio (inizio h 13:35): gara maschile, in ordine inverso di classifica rispetto al venerdì, 2 tuffi (un obbligatorio con DD massima 3.8, un libero).

L’appuntamento è per il weekend dall’8 al 10 maggio nella suggestiva “isola delle rondini” di Cozumel!

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. RedBull World Series 2015: Cartagena – è sempre tempo di Hunt! | TuffiBlog

I commenti sono bloccati.