Menu Chiudi

Olimpiadi Tokyo 2020 – Tocci-Marsaglia sesti, gara con tante sorprese

Posted in Competitions, Diving, Gare, Olimpiadi, Results, Risultati, Tuffi

È successo di tutto nella quarta giornata di tuffi ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020, l’ultima dedicata alle gare sincronizzate: nella finale maschile sincro dal trampolino 3 metri le favoritissime coppie della Gran Bretagna e del Comitato Olimpico Russo hanno commesso errori su errori, ritrovandosi agli ultimi due posti della classifica! Giovanni TocciLorenzo Marsaglia purtroppo non sono riusciti ad approfittare appieno della favorevole situazione e hanno concluso al sesto posto, qualificandosi comunque per le World Series 2022.

Ha iniziato bene la coppia azzurra chiudendo a quota 98.40 gli obbligatori, in una serie però che ha visto alti livelli per quasi tutte le coppie: ha iniziato male soltanto la Gran Bretagna, con Jack Laugher e Daniel Goodfellow molto imprecisi anche sui tuffi più semplici della loro serie.

Con il primo tuffo libero, il triplo e mezzo avanti buono ma migliorabile (73.47 punti) in particolare nell’ingresso in acqua, Giovanni e Lorenzo hanno guadagnato una posizione proprio a vantaggio dei britannici, che nel corso della finale sono riusciti ad eseguire bene solo il doppio e mezzo avanti con tre avvitamenti e che proprio per questo motivo chiuderanno settimi, fuori anche dalle World Series. Tocci e Marsaglia hanno portato a casa poi oltre 80 punti con il miglior tuffo della loro gara, il doppio e mezzo avanti con due avvitamenti, mantenendo la quinta posizione anche dopo un quadruplo e mezzo avanti non indimenticabile da 67 punti.

Durante la gara abbiamo assistito a continui capovolgimenti di fronte, cui sono stati esenti solo la Cina di Wang Zongyuan e Xie Siyi, oggi meritatissimi campioni olimpici nonostante non siano stati impeccabili sul difficile triplo e mezzo indietro, e gli Stati Uniti di Andrew Capobianco e Mike Hixon, nuovamente argento olimpico come cinque anni fa a Rio. Sono state le uniche coppie che non hanno commesso errori gravi: il Messico di Yahel Castillo e Juan Manuel Celaya ha peccato di eleganza in tutta la sua serie di gara e ha sbagliato un pó tutte le entrate in acqua, la coppia giapponese formata dal veterano (40 anni, sesta olimpiade per lui) Ken Terauchi e Sho Sakai ha portato una serie semplice sebbene molto bene eseguita, i tedeschi Patrick Hausdind e Lars Rudiger – come gli italiani – non sono stati impeccabile sugli ingressi in acqua e il Comitato Olimpico Russo prima ha commesso un errore sul triplo e mezzo rovesciato, sbagliato sia da Evgenii Kuznetsov sia da Nikita Shleikher, e poi l’impensabike: Shleikher ha sbagliato il presalto del quadruplo e mezzo avanti, ha provato a recuperare ma è entrato in acqua prima con i piedi e per loro che ambivano ad una medaglia è stato tuffo nullo!

Una vera maledizione per gli atleti russi alle Olimpiadi, che spesso hanno sbagliato gravemente nei momenti decisivi (basti ricordare Zakharov e Bazhina nelle ultime edizioni), e che oggi hanno chiuso in fondo alla classifica, a grande distanza da un bronzo che sembrava alla loro portata.

Purtroppo come abbiamo detto Marsaglia e Tocci non sono riusciti ad approfittare di questa favorevole congiuntura: il loro triplo e mezzo ritornato era ben eseguito e ben sincronizzato, ma l’ingresso in acqua non era dei migliori. Soltanto 68.34 i punti per questo tuffo, che ha permesso loro di chiudere a 382.80 punti, una ventina di punti dal bronzo. Un po’ di rammarico per un’occasione che poteva essere importante per gli azzurri, che comunque possono consolarsi per aver portato a casa una buona prova dopo un’annata difficile e aver strappato, con il sesto posto, la qualifica alle World Series.

Oro, come detto, alla Cina con 467.82 punti, seguiti dagli Stati Uniti con 444.36; il bronzo, dopo un urlo liberatorio che ha fatto quasi tremare l’Aquatics Centre di Tokyo, è andato alla Germania di Lars Rudiger e dell’eterno Patrick Hausding, che a 32 anni finalmente conquista la medaglia olimpica in questa specialità che non era mai riuscito a conquistare in coppia con Stephan Feck: per loro 404.73 punti, un punteggio – c’è da dirlo – relativamente modesto per una gara olimpica, ma sufficiente per soffiare il podio ai messicani che a quel punto sembravano certi della medaglia. Le sorprese nei tuffi non mancano mai!

Ecco la classifica e, successivamente, il dettaglio della gara azzurra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap