Menu Chiudi

NewSplash: ancora niente da fare per i trials USA!

Posted in Atleti, Diving, Estero, Gare, NewSplash, Road to Tokyo 2020, Tuffi

La federazione americana di tuffi (USA Diving) ha annunciato che i trials per la Coppa del Mondo, già rinviati in autunno e ridotti alla sola squadra “high performance”, ovvero agli atleti di interesse nazionale, sono stati ulteriormente posticipati, a causa dell’ulteriore aumento di contagi e di morti da COVID-19 negli Stati Uniti. A differenza del primo rinvio, non è stata data una nuova data, neanche provvisoria o indicativa.

I trials sono fondamentali per lo sport americano, che storicamente preferiscono effettuare le qualificazioni per la squadra nazionale di quasi tutti gli sport individuali in un’unica gara secca, appositamente organizzata. L’evento avrebbe dovuto svolgersi in Carolina del Nord, a Greensboro, nel corso della prossima settimana, i cui casi di coronavirus sono aumentati di oltre il 40% negli ultimi 14 giorni.

“La decisione non è stata presa alla leggera,” ha dichiarato il presidente di USA Diving Lee Michaud, “ma dopo aver raccolto il parere degli esperti della salute pubblica, dei nostri atleti, degli allenatori e degli altri individui coinvolti nel percorso sportivo, abbiamo ritenuto che fosse nel miglior interesse per la salute della nostra comunità sportiva evitare di viaggiare e di effettuare assembramenti in questo momento.”

“Stiamo esplorando ogni opzione possibile per tenere i trials più avanti nel corso del 2021, o in alternativa di utilizzare procedure alternative per selezionare la squadra che andrà alla FINA Diving World Cup 2021.”

Gli Stati Uniti hanno guadagnato solo sette carte olimpiche dalle prove precedenti – due maschili e due femminili dalla piattaforma individuale, 2 maschili dal trampolino 3 metri e il pass per il sincro piattaforma femminile – e quindi hanno necessità di prendere parte alla Coppa del Mondo FINA, che si terrà in Giappone dal 18 al 23 aprile e che assegnerà gli ultimi pass olimpici.

Noi di TuffiBlog pensiamo che, in casi estremi, la composizione della nazionale verrà selezionata da una commissione federale, puntando su atleti di esperienza e talento che abbiano maggiori possibilità di conquistare le carte olimpiche mancanti, per poi effettuare i trials per la nazionale olimpica in estate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.