Europei Giovanili: Kazan – 6a giornata, tutti qualificati per le finali!

Campionati Europei giovanili di tuffi di Kazan’ si avviano verso la conclusione, e quest’oggi si assegneranno le ultime medaglie per la categoria “B” (o Ragazzi); la mattinata è stata infatti dedicata alle due eliminatorie ancora non disputate, quella maschile dal trampolino 3 metri e quella femminile dalla piattaforma.

Nella gara maschile due azzurri in gara tra i diciassette partecipanti, Matteo Cafiero e Stefano Belotti, che hanno già vinto una medaglia a testa dal trampolino di 1 metro e che si sono qualificati senza difficoltà alla finale dal trampolino più alto. Ottimi i loro obbligatori, che sono stati i migliori visti in giornata (primo Belotti, secondo Cafiero), mentre c’è stata qualche imprecisione in più nei liberi, il cui punteggio viene però azzerato prima della finale.

Per Belotti il secondo posto complessivo alle spalle del russo Larin, oggi molto preciso nella propria serie di liberi e indubbiamente l’avversario da battere; per Cafiero il quarto posto, con il britannico Leon Baker a separarlo da Belotti. Le speranze di arricchire il bottino azzurro non sono poche!

 

Con la defezione di Virginia Tiberti per un problema fisico accusato in allenamento, è toccato alla sola Erica Ciancaglini rappresentare i colori dell’Italia nell’eliminatoria dalla piattaforma; tuttavia il ritiro della Tiberti ha anche fatto scendere le atlete in gara a dodici, esattamente tante quanti i posti che qualificano per la finale. La Ciancaglini ha così potuto concentrarsi sull’unico obiettivo rimasto in un’eliminatoria con tutte le atlete qualificate, eseguire al meglio i propri obbligatori: obiettivo che in massima parte ha raggiunto, perché il nono posto di questa mattina è frutto di buoni obbligatori, che la faranno partire dal sesto posto questo pomeriggio, e da qualche incertezza nei tre liberi a disposizione, in particolare il doppio e mezzo ritornato.

A guidare la classifica è la russa Konanykhina, seguita dalla britannica Spendolini-Sirieix, entrambe già in possesso di tuffi degni di una serie olimpica.