Meeting Giovanile: Dresda – i risultati di venerdì mattina.

Seconda mattinata di gare per il Meeting Internazionale Giovanile che si sta svolgendo a Dresda. Oggi sono state tre le eliminatorie disputate, le prime due in contemporanea: maschi 3 metri categoria “B” e maschi 1 metro categoria “A”, poi a seguire le femmine categoria “B” dalla piattaforma.

Per la prova “B” entrambi gli azzurrini hanno passato il turno, ma entrambi hanno commesso qualche imprecisione. Quel che conta però è che il punteggio ottenuto con i tuffi obbligatori è stato per tutti e due buono, così da non partire svantaggiati in finale.

Per Matteo Cafiero la quinta posizione, per lui una bella prova macchiata solo dall’errore nel doppio e mezzo indietro raggruppato; Stefano Belotti avendo commesso qualche errore in più nei tuffi liberi ha perso parecchie posizioni, piazzandosi decimo.

Guidano la classifica il russo Roman Larin, il britannico Leon Baker ed il canadese Benjamin Tessier, ma i nostri due tuffatori non sono così lontani.

Purtroppo l’eliminatoria della categoria “A” maschile non è stata altrettanto buona: sia Riccardo Giovannini che Davide Baraldi infatti non sono riusciti a passare il turno.

Per Giovannini il 15º posto, molto vicino alla qualifica: purtroppo la sua prestazione non ha mai brillato e gli è mancato quel “quid” per raggiungere la finale. Meno preciso Baraldi che invece si è fermato al 22º posto: voti insufficienti nel capofitto rovesciato e poi problemi nel doppio e mezzo avanti, doppio avvitamento e mezzo rovesciato e doppio e mezzo rovesciato che hanno pregiudicato la sua gara.

L’ultima eliminatoria di questa mattina ha visto la sola Virginia Tiberti in gara dalla piattaforma per la categoria “B” e al contrario di ieri (ha vinto la medaglia di bronzo da 1 mt) oggi la tuffatrice romana non é riuscita ad esprimersi al meglio. Un po’ come per Giovannini, anche per la Tiberti nessun errore grave a parte il doppio e mezzo ritornato, ma mai nessun tuffo davvero ben eseguito e che le permettesse di fare la differenza con il resto delle avversarie.

E così la tuffatrice romana ha perso posizioni tuffo dopo tuffo, concludendo al 17º posto, comunque non troppo lontana dalla 12ª posizione.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


7 − 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.