Rip-It: 8 Nazioni ed Europei Giovanili 2019, il punto sulle selezioni

A dieci giorni dal raduno europeo dell’8 Nazioni Giovanile, che quest’anno si terrà a Madrid, e a poco più di tre mesi dagli Europei Giovanili di Kazan’ 2019, è tempo di “fare i conti” anche per i tuffatori delle categorie Junior e Ragazzi e vedere chi potrebbe far parte della nazionale giovanile negli appuntamenti internazionali di questa stagione.

Su TuffiBlog un altro appuntamento con la rubrica Rip-It!, che riepilogherà per voi la situazione dopo la seconda prova di selezione!

Partiamo dall’8 Nazioni in quanto la situazione è praticamente già decisa, anche se l’ultima parola spetta come sempre al responsabile della nazionale giovanile Domenico Rinaldi: poiché la manifestazione prevede solo gare dal trampolino, sono qualificati gli atleti con la migliore somma di punteggi nelle due gare dal trampolino, prese o entrambe dal Trofeo di Natale 2018 di Bolzano, o entrambe dai Campionati Italiani di Categoria indoor di Trieste.

Per la categoria Juniores, in campo femminile le migliori sono Chiara Pellacani (MR Sport), che però avrà anche gli impegni in nazionale maggiore da far conciliare, e Giulia Vittorioso (MR Sport), che ha superato di misura Elettra Neroni (Dibiasi). In campo maschile qualificazione ampiamente centrata per Riccardo Giovannini (Fiamme Oro) e Davide Baraldi (Canottieri Milano).

 Per la categoria Ragazzi, le prime due tuffatrici sono Elisa Pizzini (Bentegodi Verona) e Virginia Tiberti (CC Aniene), mentre per i maschi guidano la classifica combinata 1 metro – 3 metri Matteo Cafiero (CC Milano) e Stefano Belotti (Bergamo Tuffi).

 Tornando invece agli Europei Giovanili, anche per le categorie Junior e Ragazzi sono tre le occasioni per ottenere i punteggi per la qualificazione: il Trofeo di Natale 2018 a Bolzano, i recenti Campionati Italiani di Categoria indoor di Trieste e il Gran Premio Atleti Azzurri d’Italia, che si terranno a fine maggio a Roma. Conteranno i migliori due punteggi per ciascuna specialità, purché venga acquisito in stagione almeno una volta un punteggio minimo, così come annunciato a novembre dal regolamento federale 2019.

Hanno inoltre diritto alla partecipazione a Europei e Mondiali i detentori di medaglia agli Europei di Helsinki 2018 nella stessa specialità, purché restino nella stessa categoria anche quest’anno: pertanto Stefano Belotti (Bergamo Tuffi) è già qualificato dalla piattaforma in virtù della medaglia d’argento dello scorso anno.

Iniziamo dunque la nostra analisi partendo dalle specialità individuali. Dal trampolino 1 metro in tre hanno acquisito il minimo richiesto dalla Federazione: Chiara Pellacani (MR Sport) guida con un ottimo margine, mentre il secondo posto è al momento disputato da Elettra Neroni (Dibiasi) in vantaggio su Giulia Vittorioso (MR Sport).

 Chiara Pellacani guida con largo margine anche nella specialità da 3 metri, avendo superato quota 410 punti in entrambe le prove di selezione; al momento solo Giulia Vittorioso (MR Sport) ha acquisito il punteggio minimo, ma una manciata di atlete potrà giocarsi il tutto per tutto nella terza prova.

 Ben cinque le tuffatrici che invece hanno raggiunto il minimo dalla piattaforma e che dovranno aspettare l’ultima prova per poter sapere se faranno parte della nazionale: oltre alle già citate Chiara Pellacani, Giulia Vittorioso ed Elettra Neroni, rispettivamente prima, quarta e quinta nella classifica parziale, ci sono anche Maia Biginelli (Fiamme Oro), al momento seconda, e Silvia Murianni (Dibiasi), attualmente terza ma con un ottimo punteggio alle spalle.

Situazione più complessa in campo maschile, dove dovremo aspettare le altre gare (nazionali e internazionali) per vedere se qualche altro atleta riuscirà a conquistare la qualificazione: dal trampolino 1 metro infatti solo Davide Baraldi (CC Milano) ha superato i 416 punti richiesti.

 Dal trampolino 3 metri sono invece in due ad aver superato il minimo: si tratta di Riccardo Giovannini (Fiamme Oro) e Giulio Propersi (CC Aniene). Tra i possibili contendenti troviamo solo Baraldi con un punteggio vicino ai 453 richiesti, quindi nulla é ancora certo al 100%.

 

Riccardo Giovannini, dopo un’ottima prova a Trieste, è al momento ampiamente favorito per partecipare agli Eurojunior anche dalla piattaforma. Non possono essere presi in considerazione i punteggi di Eduard Timbretti Gugiu (Blu 2006), atleta di nazionalità non italiana sebbene tesserato per una società italiana, che pure ha raggiunto il minimo, ma che essendo straniero non puó essere convocato. Possibili candidati sono Andrea Fonda (Triestina Nuoto) e Julian Verzotto (Bolzano Nuoto), ma al Gran Premio dovranno mettercela tutta per raggiungere il punteggio lomite di 411 punti.

 Nella categoria Ragazze, dal trampolino 1 metro, Elisa Pizzini (Bentegodi Verona) e Virginia Timberti (CC Aniene) attualmente sono le uniche ad aver superato quota 286 punti. Inoltre la Pizzini ha un anpio margine di vantaggio sulle avversarie, mentre Claudia Canta (Dibiasi) potrebbe avere delle chance di rimonta sulla Tiberti.

 Punteggio centrato per Elisa Pizzini anche dal trampolino 3 metri, mentre le altre atlete sono ancora lontane dalla soglia richiesta. Ancora una volta Tiberti e Canta potrebbero giocarsi la qualifica, ma tutto dipenderá dai punteggi che otterranno a Roma.

 Virginia Tiberti ha invece superato di slancio la soglia richiesta dalla piattaforma nell’ultima prova e attende che altre atlete possano raggiungere i punteggi richiesti. L’unica al momento che sembra poter raggiungere il limite é Erica Ciancaglini (Dibiasi).

 In campo maschile, da 1 metro sono tre ad aver conquistato il punteggio minimo: Stefano Belotti (Bergamo Tuffi), Matteo Cafiero (Canottieri Milano) e Federico Semeria (Canottieri Milano), anche se quest’ultimo non ha preso parte alle gare a Trieste.

 Belotti Cafiero hanno oltrepassato i 360 punti richiesti dal trampolino 3 metri e sono quindi in piena corsa anche in questa specialitá; i due sono testa a testa, seguiti a distanza da Luca Mion (Bolzano Nuoto) che però dovrebbe compire una grandissima prestazione per poter soffiare loro uno dei primi due posti.

 Luca Mion è però al comando nella classifica parziale dalla piattaforma, anche se altri quattro atleti hanno raggiunto, come lui, il punteggio minimo richiesto: Francesco Casalini (Bergamo Tuffi), Tommaso Zannella (MR Sport), Federico Semeria Stefano Belotti, quest’ultimo già qualificato, come detto, in virtù dell’argento europeo 2018. Quindi il Gran Premio sará decisivo per tutti e 4 i pretendenti.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


4 × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci di TuffiBlog, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico insieme a Jetpack e Google Analytics. Leggi la nostra Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi