Rip-It: gli appuntamenti clou del 2019 e le qualificazioni!

Il 2019 sarà per tutti i tuffatori che aspirano alla qualificazione in Nazionale – assoluta o giovanile che sia – una stagione di sicura importanza: ci saranno i Campionati Europei (a Kyiv, Ucraina, dal 5 all’11 agosto) e soprattutto i Campionati Mondiali (a Gwangju, in Corea del Sud, dal 12 al 20 luglio) che daranno la possibilità di qualificarsi con un anno di anticipo ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020; senza dimenticare le Universiadi (a Napoli dal 2 all’8 luglio) e i Giochi Mondiali Militari (a Wuhan, Cina, dal 18 al 27 ottobre). La nazionale giovanile per le categorie Ragazzi (B) e Junior (A), dal canto suo, affronterà i Campionati Europei (a Kazan’, Russia, dal 25 al 30 giugno).

I Mondiali metteranno a disposizione 48 posti per le Olimpiadi per le nazioni di appartenenza dei dodici finalisti delle quattro specialità individuali olimpiche (trampolino 3 metri e piattaforma, maschili e femminili), e 12 posti per le tre nazioni medagliate di ciascuna delle finali sincro maschili e femminili. Altri 4 posti saranno assegnati alle nazioni di appartenenza dei vincitori delle gare individuali europee.

 

Per partecipare ai campionati continentali ed intercontinentali gli atleti, tranne quelli già qualificati di diritto grazie ai risultati delle scorse stagioni, dovranno sottoporsi alle prove di selezione:

Campionati Europei di Kiev:

Atleti già qualificati di diritto: Giovanni Tocci (Esercito) 1 metro, Noemi Batki (Esercito) piattaforma, Elena Bertocchi (Esercito) 1 metro, sincro 3 metri e sincro misto, Chiara Pellacani (MR Sport) sincro 3 metri, Maicol Verzotto (Fiamme Oro) sincro misto 3 metri.

Per le specialità mancanti i tuffatori verranno selezionati in base alla somma dei due migliori punteggi (eliminatoria o finale), purché presi in due manifestazioni differenti a scelta tra:

– Coppa Tokyo 2020 (Trieste, 22-24 febbraio)
– Campionati Assoluti invernali (Torino, 29-31 marzo)
– Campionati Assoluti estivi (Bolzano, 24-26 maggio)

Campionati Mondiali di Gwangjiu:

Atleti già qualificati di diritto: Giovanni Tocci (Esercito) 1 metro, Noemi Batki (Esercito) piattaforma, Elena Bertocchi (Esercito) 1 metro e sincro misto, Maicol Verzotto (Fiamme Oro) sincro misto 3 metri.

Per quanto riguarda le coppie sincro l’eventuale convocazione in base alla loro qualità tecnica e se inserite in progetti federali mirati ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020, sarà definita dal Consiglio Federale su proposta discrezionale del Direttore Tecnico.

Per le specialità mancanti i tuffatori verranno selezionati in base alla somma dei due migliori punteggi (eliminatoria o finale), purché presi in due manifestazioni differenti a scelta tra:

– Coppa Tokyo 2020 (Trieste, 22-24 febbraio)
– Campionati Assoluti invernali (Torino, 29-31 marzo)
– Campionati Assoluti estivi (Bolzano, 24-26 maggio)

Per tutte le selezioni saranno ritenuti validi solo i punteggi ottenuti con serie gara comprendenti le difficoltà minime espresse nella tabella:

 

Per quanto riguarda I Campionati Europei Giovanili di Kazan, l’unico atleta già qualificato è Stefano Belotti (Bergamo Tuffi) nella gara dalla piattaforma.

Per le specialità mancanti i tuffatori verranno selezionati in base alla somma dei due migliori punteggi ottenuti nelle seguenti gare:

– Trofeo di Natale (Bolzano, 14-16 dicembre)
– Campionati di Categoria invernali (Trieste, 7-10 marzo)
– Gran Premio Atleti Azzurri d’Italia (Roma, 31 maggio-2 giugno)

Inoltre il completamento della squadra, anche in funzione di eventuali coppie sincro, sarà effettuato su proposta del responsabile tecnico delle squadre giovanili dopo aver acquisito il parere del Direttore Tecnico.

Verranno presi in considerazione solo quegli atleti che nel corso della stagione agonistica avranno ottenuto il punteggio limite, come da tabella:

 

A oggi quindi è stata disputata solo la prima prova di selezione per gli Europei Giovanili e la situazione è la seguente:

Per la categoria Ragazze: solo Elisa Pizzini (Fondazione Bentegodi) ha raggiunto il punteggio limite richiesto e attualmente guida la classifica sia dal trampolino di 1 metro che da 3 metri. Per la piattaforma invece la leadership passa a Virginia Tiberti (CC Aniene), che però deve ancora raggiungere il limite richiesto.

Ragazzi: Stefano Belotti conduce dal trampolino di 1 metro e dalla piattaforma (in quest’ultima specialità è anche già qualificato di diritto), con Matteo Cafiero (Canottieri Milano) vincitore dal trampolino di 3 metri; entrambi hanno raggiunto i punteggi limite; dietro di loro però ci sono diversi validi concorrenti che potrebbero ambire ad un posto nella squadra, in particolare dalla piattaforma.

 

Junior femmine: Chiara Pellacani ha conquistato oro e punteggio in tutte e 3 le specialità; dietro di lei, con due punteggio (1 metro e piattaforma) Elettra Neroni (Dibiasi),  e poi Maia Biginelli (Fiamme Oro) e Giulia Vittorioso (MR Sport) con un punteggio ciascuna, Biginelli dalla piattaforma e Vittorioso da 3 metri.

 

Junior maschi: come per le Ragazze, anche in questa categoria un solo atleta è attualmente in possesso dei requisiti per essere convocato, Giulio Propersi (CC Aniene) dal trampolino di 3 metri. Molto vicini ai limiti anche Edoardo Semeria (CC Milano) dal trampolino di 1 metro e Riccardo Giovannini (Fiamme Oro) dalla piattaforma,