Campionati Europei: Londra – Hausding-Klein da leggenda, 9° oro di fila

klausding

L’ultima finale della giornata è stata quella del sincro piattaforma maschile, con lo scontro molto atteso tra la coppia di casa formata da Tom Daley e Daniel Goodfellow e i pluricampioni tedeschi Patrick Hausding e Sascha Klein, reduci da ben otto medaglie d’oro consecutive nella specialità – la serie più lunga in Europa e in corso.

A gareggiare per l’Italia la neo-coppia formata da Mattia Placidi e Vladimir Barbu, subentrata agli storici Verzotto-Dell’Uomo dopo il lungo periodo che ha portato alla loro separazione. Il programma del nuovo sincro azzurro è interessante – in pochi mesi sono stati in grado di soddisfare le richieste della FIN per quanto riguarda i coefficienti – ma la loro prima uscita in una competizione continentale non è stata di quelle memorabili.

Nessun acuto, infatti, da parte dei nostri tuffatori: e se non c’era certo né l’occasione né la possibilità di prendere parte a un’infuocata lotta per le medaglie, forse ci si aspettava qualcosa di più nel confronto con le coppie a loro volta esordienti a questi Europei, come i francesi Jandard-Szymczak e i diciottenni danesi Larsen-Christensen. Il grave errore di Placidi sul triplo e mezzo indietro (solo 54.45 punti) ha stroncato le ultime possibilità di risalire la classifica, così la coppia italiana si è dovuta accontentare dell’ottavo e ultimo posto con 326.73, abbastanza distanti dagli altri partecipanti.

Come già detto, davanti si è scatenata una bellissima battaglia per le medaglie: la Russia di Minibaev ha però perso terreno per l’errore di Izmailov (ancora, sul triplo e mezzo indietro), lasciando la Germania di Hausding-Klein e il Regno Unito di Daley-Goodfellow a scontrarsi sul filo dei punti e dei decimi di coefficiente, e l’Ucraina a consolidare il terzo posto e a difenderlo, con successo, dall’assalto finale dei russi. A Gorshkovozov e Dolgov va dunque il bronzo, mentre a spuntarla per l’oro sono stati Hausding e Klein, al nono oro europeo consecutivo, grazie alla sbavatura di Goodfellow che ha ricacciato gli inglesi a 96 centesimi di distanza.

Le premesse per i miglioramenti di Placidi e Barbu ci sono, quelle che mancano al momento sono sicurezza ed esperienza: i risultati, con il duro lavoro, certamente arriveranno!

re

 

Foto: A. Peaty/Getty