Europei di Berlino: Hausding rimonta mostruosa, Benedetti e Tocci rovesciati fatali.

b8774f82cc2120bba9f393b461cf72e7

Foto: DPA.

Giornata tranquilla alla Sprunghalle di Berlino, casa dei 32° Campionati  Europei di tuffi: solo una gara in programma infatti, ma che gara!

Trampolino 3 metri uomini, con Michele Benedetti e Giovanni Tocci – riserva dell’infortunato Tommaso Rinaldi – che dopo un’eliminatoria di alto livello – servivano infatti 402 punti per entrare nei 12 – si sono trovati a competere con i “mostri sacri” Patrick Hausding, Ilya Kvasha, Evgeni Kuznetsov, Ilia Zakharov e Matthieu Rosset – campione in carica – a cui va aggiunto l’ottimo Jack Laugher.

La finale è iniziata subito con una sorpresa: Patrick Hausding che sbaglia – 51 punti – l’entrata del suo tuffo più facile, il doppio e mezzo indietro carpiato, dovendo così partire per una rimonta “bestiale”; bene gli azzurri che con più di 70 punti a tuffo sono andati spediti per la loro strada, fino al fatidico 4° round dove Tocci ha provato il triplo e mezzo rovesciato raggruppato e purtroppo lo ha sbagliato: per lui infatti solo 10 punti.

Una mossa azzardata? Una scelta temeraria? A mente fredda si potrebbe dire che con il poco allenamento di Giovanni dal trampolino di 3 metri forse era meglio tenere il doppio e mezzo rovesciato e andare sul sicuro, ma l’altra faccia della medaglia è che il cosentino ha gareggiato per fare esperienza e quindi provare “il tuffone” ad un Campionato d’Europa era la cosa giusta da fare.

Anche per Benedetti, nel 5° giro, è arrivato l’errore: doppio e mezzo rovesciato carpiato abbondante e solo 49 punti, un vero peccato per gli azzurri che stavano facendo un’ottima gara; chi invece ha ingranato la marcia giusta è stato Hausding, che a colpi di 85/90 punti a tuffo ha letteralmente scalato la classifica.

Qualche “regalo” da parte di Rosset, di Laugher e Zakharov che hanno commesso imprecisioni in almeno un tuffo e, diciamolo, anche dalla giuria, ed il tedesco è riuscito nell‘impresa di arrivare primo, per soli 4 punti; a lui tutto il merito di aver fatto dei tuffi incredibili, ma forse il russo Zakharov – medaglia d’argento – meritava di più.

Bene l’ultimo tuffo di Michele, doppio con doppio da 76.50 punti, e Giovanni, triplo e mezzo ritornato da 66.30.

E così il podio: Hausding (GER), 487.85, Zakharov (RUS) 483.20 e poi Kvasha (UCK), 477.20, mentre i nostri Benedetti e Tocci si sono dovuti accontentare dell’undicesima, 399.55, e dodicesima posizione, 365.85.

La classifica completa:

Risultati 3 mt M

 

A domani per un’altra appassionante giornata di gare con Noemi Batki dalla piattaforma e il sincro maschile da 3m.