Chava Sobrino lascia l'Australia per tornare in Messico!

20131001-154203.jpg

Salvador Sobrino, allenatore della nazionale australiana di tuffi, che ha avuto come discepoli Fernando Platas e Joel Rodriguez negli anni novanta, tornerà in Messico come consulente tecnico della Federazione Messicana di nuoto (FMN), posizione che non si era concretizzata nel 2013 a causa di un arresto cardiaco da lui subito lo scorso dicembre.

“Si, sono tornato con i piedi per terra: ci si rende conto che non si é invincibili ed infallibili. Ho dovuto fare tutto con un pò di attenzione ed i medici non mi hanno permesso di viaggiare. Quindi ecco perché le negoziazioni non si sono chiuse prima, ma alla FMN sono stati molto comprensivi e mi hanno detto che la mia salute era la cosa più importante”.

Salvador “Chava” Sobrino, che é stato l’artefice delle prime medaglie olimpiche dell’Australia con due atleti molto importanti dello sport australiano: Matthew Mitcham e Melissa WU, ha dovuto attendere l’ok dei medici per poter partecipare, in compagnia di sua figlia, ad un’importante conferenza in Messico dove ha dichiarato: “Considero che il vero valore dei tuffi nel nostro paese sia nella giovinezza dei suoi atleti.”

“Quando vediamo questo gruppo di sportivi che hanno partecipato ai Campionati del Mondo e ai Giochi Olimpici, vediamo che sono ancora giovani e ma che comunque sono stati eccellenti. Quindi é fattibile che il Messico possa consolidarsi ancor di più come una potenza dei tuffi a livello mondiale”.

“Quelli che hanno creato dello scompiglio nelle “gerarchie di potere” sono stati proprio i tuffatori messicani, specialmente gli uomini: hanno alzato il livello di difficoltà in maniera incredibile ed hanno aperto gli occhi di tutto il mondo, ed ora tutti stanno cercando di raggiungere i messicani.”

Una ottimo acquisto per il mondo dei tuffi messicani ed una grande perdita per la nazionale australiana: i risultati di questo cambio ai vertici peró li potremo giá vedere alla Coppa del Mondo del 2014 o non prima di Rio 2016?

Fonte articolo: ESTO.

Si ringrazia Nazareno Mario Ciccarello per la collaborazione.