Menu Chiudi

RedBull World Series 2022: Mostar – Popovici da record, Iffland inarrestabile, nono De Rose

Pubblicato il Cliff Diving, Competitions, Diving, Gare, Grandi Altezze, High Diving, Results, Risultati, Tuffi, World Series

La quinta tappa delle RedBull Cliff Diving World Series 2022 a Mostar è appannaggio della “solita” Rhiannan Iffland, inarrestabile sui tuffi liberi sebbene questa volta abbia avuto veramente del filo da torcere da Molly Carlson, e di Constantin Popovici, che porta a casa la gara perfetta e ottiene il record di punti nella storia delle World Series. Ancora in difficoltà Gary Hunt, nuovamente fuori dal podio, mentre l’azzurro Alessandro De Rose si ferma al nono posto.

La gara femminile ha offerto un testa a testa feroce tra la Iffland e la Carlson, separate da soli tre punti prima dell’ultimo tuffo, uno dei margini più ridotti che si ricordi tra la campionessa australiana e una delle sue avversarie. Mentre alle loro spalle l’altra canadese Jessica Macaulay aveva ragione delle americane Smart e Carpenter, gli ultimi due tuffi sono stati proprio i loro: ottimo quello della Carlson, oltre i 90 punti, ma quando la Iffland vuole non ce n’è per nessuno: per lei oltre 120 punti per il suo triplo indietro con due avvitamenti che le regala la sua quarta vittoria consecutiva in stagione! Per l’australiana un ruolino davvero impressionante: 32 podi su 34 partecipazioni!

MOSTAR – CLASSIFICA FEMMINILE
1. Rhiannan Iffland (AUS) 376.40
2. Molly Carlson (CAN) 346.85
3. Jessica Macaulay (CAN) 317.00
4. Eleanor Smart (USA) 306.80
5. Meili Carpenter (USA, wildcard) 301.50
6. Xantheia Pennisi (AUS) 300.20
7. Yana Nestsiarava (IAT) 296.80
8. Antonina Vyshyvanova (UKR, wildcard) 287.00
9. Maria Paula Quintero (COL) 286.75
10. Adriana Jimenez (MEX) 278.05
11. Susanna Fish (USA, wildcard) 238.20
12. Leyla Salyamova (IAT, wildcard) 186.50

Poche variazioni in classifica, con il vantaggio tra la Iffland e la Carlson che sale a ben 170 punti. La Iffland potrebbe laurearsi nuovamente campionessa già a Sisikon o al massimo a Polignano, se vincerà almeno una delle due tappe!

BOSTON PARIGI COPENHAGEN OSLO MOSTAR TOTALE
Rhiannan Iffland AUS 160 200 200 200 200 960
Molly Carlson CAN 200 160 110 160 160 790
Eleanor Smart USA 110 130 92 110 110 552
Jessica Macaulay CAN 92 110 130 76 130 538
Xantheia Pennisi AUS 76 92 160 62 76 466
Meili Carpenter (w) USA 130 50 130 92 402
Adriana Jimenez MEX 62 76 76 29 243
Yana Nestsiarava IAT 39 62 50 62 213
Maria Paula Quintero COL 39 62 29 20 39 189
Antonina Vyshyvanova (w) UKR 29 39 39 50 157
Aimee Harrison (w) CAN 29 92 121
Iris Schmidbauer (w) GER 50 29 79
Anna Bader (w) GER 50 20 70
Genevieve Bradley (w) USA 20 12 32
Celia Fernandez (w) ESP 20 20
Susanna Fish (w) USA 20 20
Jaki Valente (w) BRA 12 12
Maria Smirnova (w) USA 12 12
Elisa Cosetti (w) ITA 12 12
Leyla Salyamova (w) ITA 12 12

 

Gara maschile invece quantomai equilibrata, con De Rose penalizzato dai punteggi ottenuti nei round di giovedì e venerdì: per lui due buoni tuffi liberi da oltre 110 punti ciascuno, ma 358.70 punti erano davvero pochi per pensare di ottenere un piazzamento migliore del nono posto. Una battuta d’arresto comunque pressoché ininfluente in attesa delle prossime tappe di Svizzera e Italia.

Tre gli highlight di questa gara: i punteggi stellari ottenuti da Aidan Heslop (164 punti sul quadruplo avanti carpiato con tre avvitamenti e mezzo, coefficiente 6.2!) e Catalin Preda (tre 10 validi sul quadruplo indietro carpiato con due avvitamenti, gli unici voti possibili per superare Heslop all’ultimo giro), e la gara di Constantin Popovici, che ha ottenuto 156.60 e 165 punti con i due liberi e che ha ricevuto voti alti anche sugli obbligatori. I 481.50 punti ottenuti dal romeno sono il nuovo record delle World Series!

MOSTAR – CLASSIFICA MASCHILE
1. Constantin Popovici (ROU) 481.50
2. Catalin Preda (ROU) 458.70
3. Aidan Heslop (GBR) 456.30
4. Gary Hunt (FRA) 442.15
5. Oleksiy Prygorov (UKR) 429.30
6. Nikita Fedotov (IAT) 412.40
7. Blake Aldridge (GBR, wildcard) 402.40
8. Miguel Garcia (COL, wildcard) 380.50
9. Alessandro De Rose (ITA) 358.70
10. James Lichtenstein (USA, wildcard) 344.05
11. Carlos Gimeno (ESP, wildcard) 342.60
12. Jonathan Paredes (MEX) 312.35

 

Con tre tappe alla conclusione la classifica per la vittoria finale è corta, con quattro high diver in 150 punti. De Rose ritorna al quinto posto in classifica, e anche se dovrà guardarsi dal recupero di Fedotov, difficilmente rischierà il posto permanente per il prossimo anno. Appuntamento con due tappe consecutive, Sisikon il 10 e 11 settembre e Polignano a Mare il 17 e 18 settembre!

BOSTON PARIGI COPENHAGEN OSLO MOSTAR TOTALE
Catalin Preda ROU 130 200 160 110 160 760
Gary Hunt FRA 160 160 50 200 110 680
Aidan Heslop GBR 200 76 110 130 130 646
Constantin Popovici ROU 29 130 200 50 200 609
Alessandro De Rose ITA 110 92 92 160 39 493
Nikita Fedotov IAT 92 62 130 76 76 436
Carlos Gimeno (w) ESP 76 110 12 20 218
Blake Aldridge (w) GBR 50 76 20 62 208
Oleksiy Prygorov UKR 20 29 29 29 92 199
Jonathan Paredes MEX 12 20 39 92 12 175
Miguel Garcia (w) COL 62 50 112
David Colturi (w) USA 39 62 101
Michal Navratil (w) CZE 62 20 82
Andy Jones (w) USA 50 50
Sergio Guzman (w) MEX 39 39
Owen Weymouth (w) GBR 39 39
James Lichtenstein (w) USA 29 29
Artem Silchenko (w) IAT 12 12
Nathan Jimerson (w) USA 12 12

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap