Menu Chiudi

Campionati Europei: Budapest – Si inizia oggi con il nuovo Team Event!

Posted in Atleti, Campionati Europei, Competitions, Diving, Gare, Regolamento, Tuffi

Il post è stato aggiornato dopo la sua pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento 10 maggio.

I Campionati Europei di Budapest – che manterranno la denominazione originale di Budapest 2020 – prenderanno il via questa sera alle 19.30 con la rinnovata specialità del Team Event, che sarà l’evento di apertura della manifestazione; la gara a squadre è una fortunata ideazione della federazione europea, che dopo qualche anno di sperimentazione è stata poi adottata anche dalla FINA.

L’Italia sarà rappresentata da ben quattro tuffatori, tutti appartenenti alla nuova generazione: Riccardo Giovannini, Sarah Jodoin Di Maria, Andreas Larsen Chiara Pellacani. In questo post vi spieghiamo come funziona la gara!

Vi ricordiamo che trovate qui il post generale con tutte le informazioni riguardante la trasmissione TV (LEN TV / Eurovision Sports per tutte le gare, RaiSport + HD per le sole finali), la squadra azzurra e i partecipanti italiani di ciascuna gara. Gli Europei saranno altresì coperti dal livescore di Microplus.

Con il vecchio regolamento, in vigore fino al 2018, ciascuna squadra era composta solo da due tuffatori, un maschio e una femmina, che eseguivano a turno tre tuffi dal trampolino 3 metri e dalla piattaforma, di cui un obbligatorio. Era quindi fondamentale scegliere due tuffatori molto versatili, in grado di tuffarsi con efficacia da entrambe le altezze.

Dagli scorsi campionati di Kyiv è stata invece adottata una nuova formula e anche una nuova denominazione (“Mixed Team Event”). Le squadre sono composte da un minimo di due a un massimo di quattro tuffatori, di cui almeno un maschio e almeno una femmina. Ciascuna squadra dovrà eseguire quattro tuffi individuali, due dal trampolino 3 metri e due dalla piattaforma, più due tuffi sincro misti dalle due altezze, senza limitazioni di coefficiente ma con l’obbligo di portare tutti e sei i gruppi.

La gara sarà quindi divisa in quattro round: uno per i due tuffi individuali dalla piattaforma, uno per il sincro misto dalla piattaforma, uno per i due tuffi individuali dal trampolino 3 metri e uno per il sincro misto dal trampolino.

Il nuovo formato permette alle squadre di scegliere in libertà i tuffatori che ritengono più opportuni: possiamo infatti notare come quasi tutte le squadre abbiano formato un team di quattro atleti, in particolare le big:

  • la Russia schiera Ekaterina Beliaeva, Kristina Ilinykh, Viktor Minibaev e Evgeni Kuznetsov;
  • l’Ucraina schiera Kseniia Bailo, Anna Arnautova, il giovanissimo Oleksii Sereda e Oleg Kolodiy;
  • la Gran Bretagna schiera Eden Cheng, Yasmin Harper, Noah Williams e Ross Haslam;
  • la Germania schiera Christina Wassen, Tina Punzel, Lou Massenberg e Patrick Hausding.

Due le eccezioni alla regola: la Norvegia punta sulla “linea verde” schierando tre tuffatrici, le sorelle Anne VildeHelle Tuxen e Caroline Kupka, e un solo tuffatore, Axel Nyborg. Infine, la nazionale di casa, l’Ungheria, schiererà Botond Bota sia dal trampolino che dalla piattaforma, puntando poi sulle giovanissime specialiste Patricia Kun e Lilla Szabo-Seri in campo femminile. Due team che non dovrebbero essere in corsa per le medaglie, visti i bassi coefficienti.

Appuntamento quindi a questa sera alle 19.30 con il Mixed Team Event!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.