Assoluti Estivi Open 2020: i risultati delle eliminatorie della prima giornata

Si sono aperti questa mattina a Bolzano, nella piscina “Karl Dibiasi”, i Campionati Italiani Assoluti estivi, unica gara per i tuffatori nazionali di élite in questo scampolo di stagione post-COVID 19. Per essere la prima occasione di gara dopo oltre quattro mesi, è stato comunque possibile vedere parecchi buoni tuffi e valutare il generale stato di forma dei nostri atleti!

Ad aprire la giornata l’eliminatoria maschile dal trampolino 1 metro, che metteva in palio otto posti per la finale di questa sera. Percorso netto per Lorenzo Marsaglia (Marina Militare), autore di una gara quasi perfetta e sporcata solo sul finale dal doppio e mezzo avanti con avvitamento, il tuffo più difficile della sua serie. Ha mantenuto un buon margine su tutti i suoi avversari, in particolare Tommaso Rinaldi (Marina Militare), autore di una prova senza errori, e di Giovanni Tocci (Esercito), che ha alternato ottimi tuffi a qualche problema sulle rotazioni indietro. Qualificati anche Francesco Porco (Fiamme Oro), quarto, Gabriele Auber (Marina Militare), quinto, Adriano Ruslan Cristofori (Esercito), settimo, ed Eduard Timbretti Gugiu (Blu 2006), ottavo; a completare i finalisti un classe 2006, Matteo Santoro (MR Sport), riuscito con una buona prova a classificarsi al sesto posto e ad eliminare atleti con maggiori credenziali.

 

A seguire l’eliminatoria femminile dal trampolino 3 metri, la prima gara di questa manifestazione con il nuovo regolamento sperimentale – di cui vi abbiamo già parlato in altre occasioni. Le due “big” in gara, Elena Bertocchi (Esercito) e Chiara Pellacani (MR Sport) si sono classificate ai primi due posti, sebbene abbiano gareggiato in modalità “risparmio energetico”: per la Bertocchi qualche problemino sulle rotazioni indietro, mentre per la Pellacani una doppia falsa partenza sul doppio e mezzo rovesciato le è costato un tuffo nullo, e il doppio e mezzo ritornato è senz’altro migliorabile. C’è tuttavia da dire che, complici gli altri tre tuffi a testa di alto livello, nessuna delle altre tuffatrici ha saputo impensierire le loro posizioni.

Lotta a tre per le altre due posizioni che valevano la qualificazione diretta in semifinale: il terzo posto è andato a Elettra Neroni (Dibiasi), autrice di una buona prova, mentre Matilde Borello (Blu 2006) è riuscita a beffare Laura Bilotta (Fiamme Oro) per appena 40 centesimi, soffiandole la qualificazione e costringendola a una ulteriore eliminatoria questo pomeriggio.

Tutte ai quarti di finale le altre partecipanti: oltre alla Bilotta, Delfina Calissoni (Canottieri Aniene), Claudia Canta (Dibiasi), Sofia Moscardelli (Fiamme Oro), Viola Gonini (Bolzano Nuoto), Virginia Tiberti (Canottieri Aniene). Le sei tuffatrici avranno ancora quattro posti a disposizione per la semifinale.

 

Ultima gara di questa mattina l’eliminatoria maschile dalla piattaforma. Seppur con una serie leggermente ridotta nelle difficoltà e non tutta da 10 metri, Andreas Larsen (Canottieri Aniene) si è qualificato agevolmente in semifinale, così come pure Maicol Verzotto (Fiamme Oro), ancora più che in grado di dire la sua nonostante una gara con otto “under 21” su nove. La lotta per gli altri due posti in semifinale, non priva di errori e tuffi nulli, ha premiato alla fine Riccardo Giovannini (Fiamme Oro) e Julian Verzotto (Carabinieri).

Tutti ai quarti di finale gli altri partecipanti, che potranno giocarsi l’accesso in semifinale questo pomeriggio: si tratta di Leonardo Torres Garcia (Carabinieri), Francesco Casalini (Bergamo Tuffi), Eduard Timbretti Gugiu (Blu 2006), Milo Zangara (Fiamme Oro) e Flavio Centurioni (Fiamme Oro). . Con quattro posti in palio, soltanto l’ultimo classificato sarà definitivamente eliminato.

 

Le gare riprenderanno alle 14.30 con i quarti di finale, mentre la trasmissione in diretta su RaiSport inizierà direttamente con le finali.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


dodici − dieci =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.