Campionati Mondiali: Gwangju – finale stellare dal metro, ma Giovanni Tocci è dodicesimo [video]

Assolutamente stellare la prima finale odierna della terza giornata di gare ai Campionati Mondiali di Gwangju 2019: la gara conclusiva dal trampolino 1 metro è stata emozionante, con tuffi di ottima qualità e con continui capovolgimenti di fronte che hanno visto alternarsi ben otto atleti nelle posizioni di testa nel corso della gara.

In finale anche Giovanni Tocci, forte dell’ottavo posto conquistato due giorni fa in eliminatoria e con un carico di responsabilità in più dovuto al bronzo di due anni fa vinto ai Mondiali di Budapest. La sua gara è iniziata molto bene, con un doppio e mezzo avanti da 8, ma nel proseguimento della gara non è riuscito a tenere il passo degli altri tuffatori, e l’errore sul doppio e mezzo indietro lo ha “inchiodato” già a metà gara al dodicesimo e ultimo posto; posizione, la sua, che purtroppo non è più riuscito a lasciare nelle ultime rotazioni, nonostante l’ottimo doppio e mezzo ritornato con cui ha chiuso la gara.

Per lui 344.25 punti e una prestazione da cui cogliere sia gli aspetti positivi, sia quelli negativi, per poter dare il massimo nell’ultima delle specialità da affrontare e che mette in palio le carte olimpiche, il trampolino 3 metri.

Ben cinque gli atleti sopra quota 400 punti, con l’americano Herrera che manca quella soglia per appena dieci centesimi e l’ucraino Kolodiy, settimo, a tre punti e mezzo dalla cifra tonda. A competere seriamente per le medaglie sono stati i due cinesi Peng Jianfeng e Wang Zongyuan, il sudcoreano Woo Haram, il tedesco Patrick Hausding e il messicano Rommel Pacheco, che si sono dati battaglia con voti – e punteggi – altissimi. Alla fine l’imprecisione finale sul doppio e mezzo avanti con un avvitamento di Pacheco ha assegnato al messicano la medaglia d’argento, mentre Wang Zongyuan ha vinto l’oro e l’altro cinese Peng Jianfeng il bronzo.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


diciassette − sette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.