RedBull World Series 2019: Italia – si fa tappa a Polignano! Info, diretta e programma gare

Non meno di 60 mila spettatori, sugli scogli, sulle terrazze e sulle barche di Polignano a Mare (BA), per acclamare 24 cliff diver che sfideranno le piattaforme a picco sul Mare Adriatico: le RedBull Cliff Diving World Series ritornano in Italia, in una delle località più amate sia dai tuffatori che dagli appassionati, Bastione Santo Stefano, e saranno ancora una volta “ospiti” dell’unico azzurro della specialità, Alessandro De Rose, che mira a tornare sul podio che lo ha visto vincitore due anni fa.

Anche quest’anno, la guida più completa per seguire e capire i tuffi dalle grandi altezze è solo su TuffiBlog!

Leggila per restare sempre aggiornato sui partecipanti, sul regolamento e su tutti i dettagli tecnici!

È la settima volta che Polignano, uno dei borghi-gioiello dell’Adriatico, ospita le World Series; i cliff diver si tufferanno da piattaforme posizionate sulle terrazze di una villa privata, pertanto gli atleti dovranno attraversare un salotto prima di potersi tuffare! Dopo due visite nel 2009 e nel 2010, la location pugliese è in calendario per il quinto anno consecutivo; nel 2015 ha ospitato la tappa finale del circuito femminile, nel 2016 ha visto il quarto posto di Alessandro de Rose, che poi arrivò a vincere nel 2017 con una prestazione che gli ha garantito per la prima volta, l’anno successivo, un posto tra i permanent diver.

Con la classifica “congelata” dopo il brutto tempo in Irlanda, tutti gli occhi saranno puntati sulla sfida tra il campionissimo britannico Gary Hunt e la rivelazione degli ultimi dodici mesi, il rumeno Constantin Popovici, che ha conquistato il posto da titolare con una seconda metà di 2018 da urlo e che, nonostante stia lavorando anche per la qualificazione a Tokyo 2020 da 10 metri, continua a stupire anche dalle grandi altezze, conquistando il secondo posto nelle Filippine e in Coppa del Mondo e vincendo la tappa irlandese. Senza dimenticare il messicano Jonathan Paredes, il campione del mondo in carica Steven LoBue, e tutti gli altri cliff diver che aspirano a fare del loro meglio. In campo femminile, l’australiana Rhiannan Iffland sembra senza rivali al momento e mira a vincere la terza tappa consecutiva (e la quarta contando la scorsa stagione), ma la canadese Lysanne Richard e le altre avversarie non mancheranno di darle filo da torcere.

Saranno come sempre 24 i tuffatori in gara, di cui sedici permanent diver: dieci uomini (i britannici Gary Hunt e Blake Aldridge, gli statunitensi Steve LoBue, Andy Jones e David Colturi, il messicano Jonathan Paredes, il ceco Michal Navratil, il rumeno Constantin Popovici, l’ucraino Oleksiy Prygorov e il polacco Kris Kolanus) e sei donne (l’australiana Rhiannan Iffland, la bielorussa Yana Nestsiarava, la messicana Adriana Jimenez, la canadese Lysanne Richard, la britannica Jessica Macaulay e la statunitense Eleanor Smart). Altre otto wildcard (quattro uomini e quattro donne) potranno competere e provare a guadagnare punti utili per entrare tra i permanent diver del 2020.

Ecco il programma delle gare:

Sabato 1° giugno
15.25: Round 1 donne (primo tuffo obbligatorio)
15.50: Round 1 uomini (primo tuffo obbligatorio)
16.40: Round 2 donne (secondo tuffo obbligatorio)
17.10: Round 2 uomini (secondo tuffo obbligatorio)

Domenica 2 giugno
15.25: Round 3 donne (primo tuffo libero)
15.50: Round 3 uomini (primo tuffo libero)
16.30: INIZIO TRASMISSIONI
16.40: Round finale donne (secondo tuffo libero)
17.10: Round finale uomini (secondo tuffo libero)

La trasmissione delle gare è garantita per i round finali. Anche quest’anno avremo modo di seguire la diretta attraverso molteplici canali: oltre che sul sito ufficiale, le grandi altezze saranno disponibili su Red Bull TVFacebook, e Twitter. La replica verrà resa disponibile qualche minuto dopo l’evento.

Foto: D. Levati/Red Bull Content Pool