RedBull World Series 2017: Portogallo – il ritorno del Duca!

Duque si afferma nelle azzorre, tra le donne prima volta per Jimenez

redbull cliff diving azzorre 2017 portogallo duque jimenez

Le RedBull Cliff Diving World Series 2017 vedono il ritorno alla vittoria del leggendario Orlando Duque! Il colombiano, pioniere dei tuffi dalle grandi altezze, si ritrova a suo agio nella tappa delle Azzorre, dove due dei tuffi sono eseguiti proprio dalle scogliere. Tra le donne c’è la prima vittoria di tappa per la vincitrice della Coppa del Mondo Adriana Jimenez. Entrambi approfittano delle difficoltà, fisiche e strategiche, dei favoriti, Gary Hunt e Rhiannan Iffland, che hanno concluso rispettivamente in terza e quinta posizione; la lotta per la vittoria finale si fa davvero avvincente!

 

La giornata del sabato aveva in effetti lasciato intravedere i problemi dei vincitori della scorsa tappa: dopo i due tuffi a coefficiente ridotto Gary Hunt si era ritrovato addirittura in ultima posizione e a rischio eliminazione (ben 36 i punti di distacco dall’ottavo posto). Si erano invece comportati molto bene il messicano Paredes, Duque e il britannico Aldridge, tutti sopra i 150 punti.

CLASSIFICA MASCHILE – ROUND 2

1 – Jonathan Paredes (MEX) – 159.00
2 – Orlando Duque (COL) – 153.30
3 – Blake Aldridge (GBR) – 151.60
4 – Kris Kolanus (POL) – 145.40
5 – Miguel Garcia (wildcard) (COL) – 140.20
6 – Kyle Mitrione (wildcard) (USA) – 140.00
7 – David Colturi (USA) – 138.80
8 – Steven LoBue (USA) – 132.60
9 – Michal Navratil (CZE) – 130.80
10 – Sergio Guzman (MEX) – 126.50
11 – Artem Silchenko (wildcard) (RUS) – 121.85
12 – Andy Jones (USA) – 114.80
13 – Todor Spasov (wildcard) (BUL) – 105.30
14 – Gary Hunt (GBR) – 96.80

 

 

Percorsi simili anche per la gara femminile: tra le prime classificate c’erano l’americana Huber, seconda, e la tedesca Bader, quarta; due “vecchie volpi” di questo sport! Ancora assente la canadese Richard, alle prese con degli importanti guai fisici, sostituita da una terza wildcard (la britannica Macaulay). A guidare la classifica l’australiana Merten, unica sopra quota 120, mentre la Iffland si ritrovava anche lei in ultima posizione, chiamata a una difficile rimonta.

CLASSIFICA FEMMINILE – ROUND 2

1 – Helena Merten (AUS) – 120.90
2 – Ginger Huber (USA) – 115.70
3 – Tara Hyer-Tira (wildcard) (USA) – 115.70
4 – Anna Bader (wildcard) (GER) – 114.40
5 – Adriana Jimenez (MEX) – 107.90
6 – Cesilie Carlton (USA) – 106.60
7 – Jessica Macaulay (wildcard) (GBR) – 101.40
8 – Rhiannan Iffland (AUS) – 97.50

 

La giornata di oggi si è aperta con ottime condizioni per i tuffi, che si sono spostati sulle piattaforme. Ciò ha dato respiro ai tuffatori tecnicamente più forti, che hanno iniziato a muovere le classifiche. In campo femminile ha scalato due posizioni la Iffland, mentre Adriana Jimenez, che partiva piuttosto indietro da un quinto posto, ha rimontato fino al secondo, proponendosi per la vittoria.

CLASSIFICA FEMMINILE – ROUND 3
1 – Helena Merten (AUS) – 202.80
2 – Adriana Jimenez (MEX) – 201.50
3 – Ginger Huber (USA) – 201.20
4 – Anna Bader (wildcard) (GER) – 199.40
5 – Tara Hyer-Tira (wildcard) (USA) – 195.60
6 – Rhiannan Iffland (AUS) – 188.70
7 – Cesilie Carlton (USA) – 172.90
8 – Jessica Macaulay (wildcard) (GBR) – 172.80

 

Il primo tuffo libero degli uomini è stato invece abbastanza “sottotono” per quasi tutti i tuffatori; ne ha approfittato Hunt, risalito dal quattordicesimo al sesto posto – mettendosi dunque al sicuro, mentre in molti hanno sofferto cocenti delusioni. Tra questi gli americani Jones e Colturi e il ceco Navratil, tutti clamorosamente eliminati. E’ passato invece l’altro statunitense Mitrione, unica wildcard finalista.

CLASSIFICA MASCHILE – ROUND 3
1 – Orlando Duque (COL) – 243.00
2 – Jonathan Paredes (MEX) – 241.25
3 – Steven LoBue (USA) – 237.90
4 – Kris Kolanus (POL) – 229.55
5 – Blake Aldridge (GBR) – 229.15
6 – Gary Hunt (GBR) – 226.80
7 – Kyle Mitrione (wildcard) (USA) – 220.60
8 – Sergio Guzman (MEX) – 214.25
9 – Andy Jones (USA) – 213.70
10 – David Colturi (USA) – 207.80
11 – Michal Navratil (CZE) – 201.75
12 – Artem Silchenko (wildcard) (RUS) – 192.50
13 – Miguel Garcia (wildcard) (COL) – 188.60
14 – Todor Spasov (wildcard) (BUL) – 165.50

 

L’ultimo tuffo libero femminile ha confermato lo grande stato di forma di Adriana Jimenez, che ha completato la rimonta vincendo per la prima volta una tappa delle RedBull Cliff Diving World Series; per lei 303.50 punti. Helena Merten ha difeso il piazzamento sul podio, classificandosi seconda con 284.70, con pochissimo margine sulla tedesca Anna Bader, bronzo con 281.90.

CLASSIFICA FEMMINILE – FINALE
1 – Adriana Jimenez (MEX) – 303.50
2 – Helena Merten (AUS) – 284.70
3 – Anna Bader (wildcard) (GER) – 281.90
4 – Ginger Huber (USA) – 279.40
5 – Rhiannan Iffland (AUS) – 262.80
6 – Jessica Macaulay (wildcard) (GBR) – 258.30
7 – Cesilie Carlton (USA) – 256.50
8 – Tara Hyer-Tira (wildcard) (USA) – 243.10

 

 

In campo maschile, invece, ancora molto bassi i punteggi di quasi tutti i concorrenti; Gary Hunt ha potuto completare la propria rimonta agguantando il podio, nonostante l’ultimo tuffo non avesse voti superiori al 7. Tuttavia l’alto coefficiente gli ha permesso di arrivare a 330.40 punti e di superare tutti, meno due avversari. Il secondo posto è stato infatti di Steven LoBue con 342.45, mentre il colombiano Orlando Duque torna alla vittoria dopo 4 anni e con 346.50 si conferma uno dei più grandi interpreti del cliff diving.

CLASSIFICA MASCHILE – FINALE
1 – Orlando Duque (COL) – 346.50
2 – Steven LoBue (USA) – 342.45
3 – Gary Hunt (GBR) – 330.40
4 – Jonathan Paredes (MEX) – 327.35
5 – Kyle Mitrione (wildcard) (USA) – 323.50
6 – Kris Kolanus (POL) – 316.95
7 – Blake Aldridge (GBR) – 298.15
8 – Sergio Guzman (MEX) – 293.80
9 – Andy Jones (USA) – 213.70
10 – David Colturi (USA) – 207.80
11 – Michal Navratil (CZE) – 201.75
12 – Artem Silchenko (wildcard) (RUS) – 192.50
13 – Miguel Garcia (wildcard) (COL) – 188.60
14 – Todor Spasov (wildcard) (BUL) – 165.50

 

Tra due settimane il circus della RedBull arriverà in Italia! Polignano a Mare ospiterà di nuovo i grandi cliff diver, compreso Alessandro De Rose che proverà a farsi valere; la classifica dopo due tappe è ancora aperta, quindi la tappa italiana sarà determinante per stabilire i campioni 2017!

CLASSIFICA GENERALE MASCHILE
REDBULL CLIFF DIVING WORLD SERIES 2017 – TAPPA 2/6

1. Gary Hunt (GBR) – 330
2. Orlando Duque (COL) – 310
3. Blake Aldridge (GBR) – 220
4. Steven LoBue (USA) – 190
5. Jonathan Paredes (MEX) – 180
6. Andy Jones (USA) – 170
7. Kris Kolanus (POL) – 130
8. David Colturi (USA) – 120
9. Kyle Mitrione (wildcard) (USA) – 90
10. Sergio Guzman (MEX) – 58
11. Alessandro De Rose (wildcard) (ITA) – 50
12. Alain Kohl (wildcard) (LUX) – 40
12. Michal Navratil (CZE) – 40
14. Artem Silchenko (wildcard) (RUS) – 20
15. Igor Semashko (wildcard) (RUS) – 9
15. Miguel Garcia (wildcard) (COL) – 9
17. Todor Spasov (wildcard) (BUL) – 8

CLASSIFICA GENERALE FEMMINILE
REDBULL CLIFF DIVING WORLD SERIES 2017 – TAPPA 2/6

1. Rhiannan Iffland (AUS) – 290
2. Ginger Huber (USA) – 270
2. Adriana Jimenez (MEX) – 250
4. Helena Merten (AUS) – 230
5. Yana Nestsiarava (BLR) (wildcard) – 160
5. Tara Hyer-Tira (wildcard) (USA) – 160
7. Anna Bader (wildcard) (GER) – 130
8. Cesilie Carlton (USA) – 120
9. Eleanor Townsend Smart (wildcard) (USA) – 90
10. Jessica Macaulay (wildcard) (GBR) – 70

 

Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool