Campionati di Categoria indoor: Trieste – Vittoria per Giovannini, Pellacani e Cosoli.

Un lunghissimo pomeriggio di tuffi quello del secondo giorno di gare dei Categoria indoor di Trieste: 5 prove, di cui due veramente dense di partecipanti, hanno fatto si che le gare iniziassero alle 14:30 per finire addirittura alle 20:30!!

Nella prima prova, i ragazzi dalla piattaforma, la vittoria é andata a Eduard Timbretti (Blu 2006, 312.35 punti), ma essendo ancora sprovvisto di passaporto italiano é stato premiato come atleta “fuori gara”; nonostante gli errori commessi Timbretti ha portato una serie gara di tutto rispetto, tutta eseguita da 10 metri tranne la verticale indietro da 5 metri, con tre tuffi ad alto coefficiente: vericale doppio indietro, doppio e mezzo indietro con un avvitamento e triplo e mezzo indietro!

Per la classifica “regolare” la medaglia d’oro é stata vinta da Riccardo Giovannini (Fiamme Oro, 305.65 punti): anche per lui due tuffi liberi eseguiti dalla piattaforma piú alta, il triplo e mezzo avanti e il doppio e mezzo rovesciato, peccato l’errore nel doppio e mezzo ritornato da 7 metri, finito molto abbondante.  Dietro di lui Kay Torres (Carabinieri, 301.75 punti) che dopo un ottimo inizio di gara ha perso parecchi punti a causa del doppio e mezzo indietro e del doppio e mezzo ritornato, entrambi eseguiti da 5 metri, altrimenti avrebbe potuto aspirare alla vittoria. Per la medaglia di bronzo il “piccolo” Francesco Caputo (Cosenza Nuoto) con 263.00 punti.

Nessuno dei ragazzi ha raggiunto il punteggio limite, 320 punti, per la partecipazione agli Europei giovanili.

Per la seconda gara, il trampolino da 3 metri categoria ragazze, nuova vittoria per Chiara Pellacani (MR Sport, 321.30 punti) abbondantemente sopra i 308 punti richiesti per la qualifica agli Eurojunior; anche se la giovane romana ha commesso un errore nel doppio e mezzo rovesciato finito scarso, ha comunque distaccato la seconda classificata, Lucia Zebochin (Trieste Tuffi, 290.60 punti) di 30 punti.

La Zebochin dal canto suo ha saltato bene, ma le manca ancora un pó di precisione per fare quei punti in piú che fanno la differenza. 

La medaglia di bronzo é andata a Maia Biginelli (Fiamme Oro, 284.80 punti); con una serie gara competitiva e le qualitá per eseguirla bene, la Biginelli é peró incappata in due errori nelle rotazioni piú delicate, doppio e mezzo indietro e doppio e mezzo rovesciato.

L’ultima gara “ufficiale” é stata la prova da 1 metro delle juniores; dopo gli obbligatori Giulia Vittorioso (MR Sport) sembrava lanciata verso la vittoria, ma l’imprevisto é sempre dietro l’angolo. Negli ultimidue tuffi liberi infatti, doppio e mezzo avanti e uno e mezzo ritornato,  ha commesso due errori in entrata finendo abbondante e dovendo cosí abbandonare ogni velleitá di vittoria.

Le sue avversarie ne hanno subito approfittato, in special modo Livia Cosoli (Dibiasi) che ha saputo mantenere il sangue freddo e non commettere errori gravi, vincendo cosí la gara con 317.70 punti. Il punteggio per gli Europei giovanili é 350 punti, quindi ancora lontano, ma questo é passo nella giusta direzione.

Ad appena 1.25 di distanza si é piazzata Silvia Alessio (Triestina Nuoto), mentre Laura Granelli (Bergamo Nuoto) si é piazzata terza con 306.25 punti.


A chiusura di questa giornata si sono svolte anche due prove “indicative”, ovvero fuori dal programma ufficiale e valide solo per le selezioni dei Campionati Europei: il sincro maschile e il sincro misto da 3 metri.

Due coppie per specialitá, nella prova maschile in gara la coppia della Marina Militare formata da Gabriele Auber e Lorenzo Marsaglia e quella formata da Giovanni Tocci e Francesco Porco (a fare le veci di Andrea Chiarabini).

É stata una gara molto bella e molto combattuta, ma l’inesperienza del giovane Porco si é fatta sentire e ha fatto la differenza. La coppia dei marinai é andata dritta per la sua strada, mentre la coppia dei cosentini é incappata in qualche imprecisione nel sincro e nel triplo e mezzo rovesciato. La gara si é conclusa con la vittoria di Auber e Marsaglia con 397.65 punti.

Nei tuffi misti le coppie erano: Noemi Batki (Esercito) e Tommaso Rinaldi (Marina Militare) e poi Elena Bertocchi (Esercito) e Maicol Verzotto (Fiamme Oro). 

Entrambe le coppie sono “giovani”, e si é subito visto come entrambe necessitino di piú allenamento per poter esprimere tutto il loro potenziale. Oggi la coppia che ha saltato meglio é stata quella formata da Bertocchi e Verzotto con 265.08 punti.