32° Marmeeting – Mediterreanean Cup: i tuffi dalle grandi altezze a Furore e in TV!

Domenica 2 settembre ritorna un appuntamento speciale e molto amato per gli appassionati dei tuffi dalle grandi altezze: a Furore, sulla costiera amalfitana, si disputerà la 32a edizione del Marmeeting, spettacolare gara di cliff diving che richiama i più grandi nomi di questa disciplina.

Il Marmeeting è una “classica” dei tuffi dalle grandi altezze, tanto che le RedBull World Series hanno sempre tenuto conto anche dei risultati di questa gara per completare la squadra dei permanent diver (i tuffatori che partecipano a tutte le tappe) della stagione successiva. Quest’anno c’è un ulteriore bonus riservato agli atleti non di vertice: il miglior classificato del Marmeeting che non sia già qualificato alla finale di World Series a Polignano a Mare riceverà una wild card per partecipare proprio alla tappa italiana!

 

Ci saranno i vincitori di 13 delle ultime 17 edizioni: il colombiano Orlando Duque (campione 2004, 2007, 2008 e 2014), i britannici Blake Aldridge (campione 2013) e Gary Hunt (campione 2010, 2012, 2015 e 2016), l’americano Andy Jones (campione uscente) e il russo Artem Silchenko (campione 2009). In gara anche l’azzurro Alessandro De Rose, 14° nella sua unica partecipazione finora (2016), l’americano e campione mondiale in carica Steven LoBue, e il messicano e trionfatore delle World Series 2017 Jonathan Paredes.

In forse, sebbene siano iscritti, la partecipazione del ceco Michal Navratil, vincitore nel 2011, da poco diventato papà, e dell’americano David Colturi, che ha subito di recente un intervento alla milza.

In gara per la già citata wild card di Polignano a Mare ci saranno lo spagnolo Alberto Devora, il lussemburghese Alain Kohl, il britannico Owen Weymouth, l’americano Kyle Mitrione, l’ucraino Oleksiy Prygorov e il rumeno Constantin Popovici.

La giuria sarà guidata dal giudice arbitro Kenneth Grove Buttres e vedrà nel panel ben due giudici italiani, Valerio Polazzo e Marcus Stuppner.

La gara sarà trasmessa integralmente da RaiSport a partire dalle 15.30, sia in TV che in streaming.

 

Il regolamento è simile a quello di altre gare di high diving: ogni tuffatore (il Marmeeting è una gara esclusivamente maschile, vista l’altezza di 28 metri) dovrà eseguire tre tuffi, un obbligatorio e due liberi, valutati da un panel di cinque giudici internazionali; i tuffi avvengono direttamente dalle rocce del fiordo, se possibile, o da una piccola piattaforma. La votazione segue quella consueta sia dei tuffi tradizionali sia delle World Series: una volta scartati il voto più alto e il voto più basso, si sommano i tre voti rimasti e si moltiplicano per il coefficiente di difficoltà del tuffo.

L’ordine di salto dell’obbligatorio e del primo tuffo libero viene stabilito mediante sorteggio il giorno precedente la competizione, mentre per il tuffo finale gli atleti si esibiranno seguendo la classifica in ordine inverso.

 

Foto: G. Scala/Deepbluemedia

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci di TuffiBlog, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico insieme a Jetpack e Google Analytics. Leggi la nostra Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi