FINA Diving GP: Rostock – la prima giornata di gare, Hausding e Si Yajie trionfano

Si è conclusa da pochi minuti la prima giornata di gare del FINA Diving Grand Prix di Rostock, primo appuntamento del secondo circuito (per importanza) di tuffi internazionali itineranti.

Dopo l’inaspettata eliminazione di Giovanni Tocci in eliminatoria, in tarda mattinata si sono svolte le due semifinali maschili. Nella prima, Patrick Hausding ha fatto molta fatica ad agguantare il terzo e ultimo posto utile per le finali, eliminando il francese Jandard (ripescato per la rinuncia di Wolfram, che ha giudicato troppo rischioso continuare a gareggiare nella giornata del suo rientro da 3 metri) per appena due punti. Fuori il cinese Wang Zong Yuam, mentre a passare il turno sono stati il più giovane dei fratelli Haslam e il malese Tze Liang. Nella seconda il russo Shleikher ha trionfato, staccando il cinese Wu Luxian e il messicano Ocampo.

A seguire le semifinali femminili dalla piattaforma. Ha destato sorpresa l’eliminazione della padrona di casa, l’esperta Kurjo, “fatta fuori” nella seconda e più difficile semifinale dalla messicana Del Angel Peniche, dalla cinese Si Yajie e dalla britannica Toulson. Nella prima invece qualificazione facile per la cinese Xu Yijin e la canadese Dick, meno agevole per la tedesca Wassen che ha almeno garantito una presenza per la nazione ospitante in finale.

 

Ad aprire il pomeriggio di finali il sincro misto dal trampolino. La coppia cinese formata da Tai Xiaohu e Chen Yiwen, attuale “titolare”, ha avuto gioco facile e ha vinto l’oro con 325.56 punti. Secondi i padroni di casa Punzel e Massenberg con 295.11, che hanno battuto di misura (293.31) la coppia messicana OcampoHernandez.

 

La seconda finale di giornata è stata quella femminile dalla piattaforma, con un parterre di tutto rispetto: la campionessa europea in carica Lois Toulson si è classificata soltanto terza con 334 punti, battuta dall’argento olimpico e mondiale Si Yajie, oggi vincitrice con 361.90, e dalla messicana Viviana Del Angel Peniche, seconda con 349.10. Sorprendente la cinese Xu Yijin, classe 2005, oggi quinta con il rispettabile punteggio di 316.25.

 

A chiudere una giornata davvero molto lunga, con l’inizio della gara slittato quasi alle 20, la finale maschile da 3 metri. E il protagonista assoluto è stato senz’altro quello più atteso dal pubblico di casa, perché Patrick Hausding non ha sbagliato praticamente niente, involandosi verso la medaglia d’oro con una media da oltre 80 a tuffo (eccellente il triplo e mezzo rovesciato da quasi 90). 493.35 i punti per il tedesco, col solo messicano Jahir Ocampo che è riuscito a non lasciarsi staccare troppo: per lui l’argento e 479.65 punti. Senza storia anche il bronzo, andato a Nikita Shleikher con 443.80 punti; il russo ha fatto valere i suoi coefficienti “monstre” (programma olimpico per lui) che hanno compensato un paio di sbavature.

 

Le gare riprenderanno domani, e nell’eliminatoria da 10 metri – che potrete seguire su TuffiBlog in diretta – ci saranno Vladimir Barbu e Mattia Placidi!