Campionati di Categoria Indoor: Trieste – Ultimo giorno, ultime medaglie!

Con le gare di questa domenica si é conclusa l’edizione invernale dei Campionati Italiani di Categoria indoor.

Le prime in gara sono state le juniores femmine dal trampolino di 3 metri: é stata una gara interessante, dove non sono mancati i colpi di scena. Chiara Pellacani (MR Sport) è incappata in un paio di errori, nel doppio e mezzo avanti con avvitamento e triplo e mezzo avanti carpiato, due tuffi molto difficili per un’atleta comunque giovane e che oggi non è riuscita ad eseguire come suo solito. Ha comunque “infilato” molto bene il doppio e mezzo ritornato e il doppio e mezzo rovesciato, vincendo di misura con 350.65 punti.

La medaglia d’argento sembrava dover andare a una tra Giulia Vittorioso (MR Sport) o Camilla Tramentozzi (Fiamme Oro), ma entrambe le atlete hanno commesso uno “scivolone” nel doppio e mezzo indietro, lasciando così la strada aperta alle rivali; ne hanno approfittato Kikí Magnolini (CC Aniene) che si è aggiudicata la medaglia d’argento con 308.55 punti, e Giorgia Schiavone (Trieste Tuffi) piazzatasi terza con 303.70 punti.

Nessuna delle atlete ha raggiunto il punteggio minimo di 363 punti richiesti per i Campionati Europei giovanili.

La mattinata è proseguita con la gara sia maschile che femminile dalla piattaforma per la categoria seniores.

In campo femminile la vittoria è andata a Noemi Batki (Esercito) con 257.55 punti; la sua serie gara non è ancora “completa”, ma il lavoro che sta svolgendo al Centro Federale di Roma sotto la guida del tecnico federale Domenico Rinaldi si vede e presto potremo rivederla al 100%. Non benissimo il resto delle concorrenti che hanno commesso errori più gravi, si sono comunque distinte Flavia Pallotta (Dibiasi) oggi medaglia d’argento con 208.95 punti, e Paola Flaminio (MR Sport) medaglia di bronzo con 203.50 punti.

Nella gara maschile la vittoria è andata invece a Mattia Placidi (Fiamme Rosse): buona la sua gara – con il triplo e mezzo ritornato come miglior tuffo – “macchiata” solo dall’errore nel doppio e mezzo rovesciato, che è comunque un tuffo “momentaneo”, in attesa del triplo e mezzo. Per lui 326.40 punti.

Contro i pronostici, in seconda posizione, Samuel D’Alessandro (US Triestina) che ha approfittato dell’errore di Vladimir Barbu (Carabinieri) e con una buona gara si é portato a casa 308.10 punti e la medaglia d’argento. Barbu invece si è dovuto accontentare della terza piazza, avendo sbagliato compmetamente il triplo e mezzo indietro: quel tuffo gli ha portato solo 14 punti, troppo pochi per riuscire a recuperare D’Alessandro. Ha concluso con 262.35 punti.

L’ultima gara della manifestazione é stata quella dal trampolino di 1 metro della categoria juniores maschi. Davide Baraldi (Canottieri Milano) é incappato subito in un errore nei tuffi obbligatori con il capofitto ritornato e ha iniziato la gara “in salita”, mentre Loris Sembiante (Fiamme Oro) e Antonio Volpe (Cosenza Nuoto) hanno subito ingranato la marcia giusta, insieme a Julian Verzotto (Bolzano Nuoto).

Sembiante ha continuato bene la sua gara, con un’unica imprecisione nel doppio e mezzo avanti; Volpe invece ha scelto di portare il doppio avanti con un avvitamento, quindi un’entrata “in piedi”, ma il tuffo non ha pagato e gli ha fatto perdere punti preziosi.

A fine gara il podio si è così composto: medaglia d’oro per Sembiante con 413.55 punti, argento per Volpe con 397.35 punti e bronzo per Baraldi con 381.60 punti. Nessuno di loro ha raggiunto i 419 punti richiesti per gli Eurojuniors.

Con questa gara si é conclusa la manifestazione ed è stata stilata la classifica di società, che vede vincitrice la Triestina Nuoto con 269 punti; a seguire le Fiamme Oro con 255 punti e la Cosenza Nuoto con 193 punti.