Mondiali giovanili: Kazan – Porco sesto, la coppia Vittorioso/Pellacani 15ª.

Campionati Mondiali Giovanili, Kazan: che Francesco Porco fosse molto determinato si era giá visto questa mattina ed oggi pomeriggio, nella finale dal trampolino di 1 metro (categoria “A”), ha dimostrato ancora una volta le sue capacità; la gara non era certo facile, i suoi avversari sono tutti atleti di altissimo livello, ma Porco se l’è battuta fino all’ultimo tuffo.

Francesco ha saltato bene, anche se ha commesso qualche imprecisione, nel doppio e mezzo ritornato e nel triplo e mezzo avanti, ma ha comunque ottenuto un’ottima sesta posizione con un altrettanto ottimo punteggio, 490,85 punti; i tre medagliati erano imprendibili, il cinese Chen Linhai, il russo Nikita Shleikher e l’australiano Matthew Carter hanno eseguito tuffi molto difficili, ottenendo punteggi straordinari e hanno meritatamente conquistato il podio.

1. Chen Linhai (CHN), 564.65
2. Nikita Shleikher (RUS), 543.65
3. Matthews Carter (AUS), 538.45
4. Jordan Houlden (GBR), 532.20
5. Grayson Campbell (USA), 504.70
6. Francesco Porco (ITA), 490.85
7. Gregory Duncan (USA), 475.35
8. Daniel Restrepo Garcia (COL), 472.30
9. Gwendal Bisch (FRA), 465.85
10. Lou Massenberg (GER), 464.70
11. Jonathan Suckow (SUI), 459.55
12. Anthony Harding (GBR), 452.25

La seconda finale della giornata, piattaforma maschile categoria “B”, ha visto trionfare un altro atleta cinese, Yang Ling, con una gara pressocchè perfetta, 527.40 punti, con addirittura un “10” nella verticale con 3 salti mortali indietro. A nulla sono serviti gli sforzi del messicano Willars Randal che ha comunque dimostrato una qualità tecnica da far invidia a diversi atleti seniores, arrivato secondo con 504.27 punti. Al terzo posto, nonostante un grave errore nel triplo e emzzo indietro, il russo Ruslan Ternovy con 461.35 punti.

1. Yang Ling (CHN), 527.40
2. Willars Randal (MEX), 504.70
3. Ruslan Ternovoy (RUS), 461.35
4. Yevhen Naumenko (UKR), 437.35
5. Alexey Sorokin (RUS), 434.30
6. Nikita Kryvopyshyn (UKR), 431.15
7. Bermeo Abraham (MEX), 426.20
8. Owen Harrison (GBR), 421.70
9. Bryden Robert Hattie (CAN), 415.10
10. Maxwell Flory (USA), 393.35
11. Anderson Ramirez Posada (COL), 363.35
12. Victor Perez Ortega (ESP), 339.50

La terza finale di giornata ha visto la partecipazione di Giulia Vittorioso e Chiara Pellacani che hanno affrontato i tuffi sincronizzati dal trampolino di 3 metri. La gara è aperta, ovvero posso partecipare sia coppie composte dalla categoria “A”, sia “B”, che miste, e le nostre azzurrine erano tra le più giovani in gara; inoltre la loro è una coppia nuova, con poco allenamento alle spalle.

Buoni i tuffi obbligatori, anche nei liberi non se la sono cavata affatto male, tranne nel doppio e mezzo rovesciato dove la Vittorioso è finita molto abbondante. Quello che manca è solo più allenamento e diventeranno molto più competitive, le qualità non mancano!

Una gara “di rodaggio” quindi che servirà sopratutto per il futuro, per tutti gli appuntamenti del 2017, oggi Giulia e Chiara hanno concluso la finale in quindicesima posizione con 229.44 punti.

Vittoria meritata ma quasi scontata per le cinesi Lingrui Liu e Chen Huling con 296.70 punti, distaccando di 10 punti le australiane Jaya Mathew e Georgia Sheehan; molto brave anche le due russe Ekaterina Nekrasova e Tatiana Stepanova che con un solo mese di allenamento alle spalle sono riuscite a salire sul gradino più basso del podio!

1. China, 297.70
2. Australia, 286.50
3. Russia, 279.48
4. Canada, 275.25
5. Great Britain, 261.69
6. Mexico, 261.18
7. Germany, 258.90
8. USA, 255.57
9. Ukraine, 248.52
10. Switzerland, 247.41
11. Norway, 246.81
12. Colombia, 232.56
13. South Africa, 231.42
14. Belarus, 230.76
15. Italy, 229.44