RedBull World Series 2016: Emirati Arabi – stasera e domani gran finale a Dubai!

rbcdws-2016-dubai

E finalmente è arrivata la tappa finale per la stagione 2016 delle RedBull Cliff Diving World Series, il torneo di tuffi dalle grandi altezze che sbarca, è proprio il caso di dirlo, nella baia di Marina Dubai, nella capitale degli Emirati Arabi Uniti. Sede in passato della Coppa del Mondo FINA per l’high diving, è invece un esordio assoluto per le World Series: i tuffatori si lanceranno infatti da un grattacielo di sette piani, il Pier 7, che ospita un ristorante diverso per ogni piano, ma lo faranno in notturna! La vista già splendida della baia, dove giacciono le famose isole artificiali a forma di palma (Palm Jumeriah), sarà illuminata a giorno dalle luci artificiali di una città viva e dall’aspetto estremamente moderno.

(leggi la guida ai tuffi dalle grandi altezze)

Il circuito maschile, dopo la tappa in Giappone, offrirà le sole emozioni della gara; Gary Hunt si è infatti riconfermato matematicamente campione, e anche se la stagione non è stata costellata di successi come quelle precedenti è altrettanto vero che è stato tra i più regolari (tre vittorie di tappa, altri tre podi stagionali e un quarto posto su otto gare) e non si è affacciato nessun avversario capace di sfidarlo per tutta la stagione. I due inseguitori più “vicini” – ma a 300 punti di distanza – hanno condotto le rispettive stagioni in modo opposto: Jonathan Paredes ha cominciato benissimo, restando in testa alla classifica generale per le prime due tappe, ma la seconda metà di stagione non è stata delle più brillanti; Michal Navratil non ha iniziato al meglio, ma le due vittorie di tappa consecutive in Galles e Bosnia gli permettono di sperare di agganciare il secondo posto in classifica generale, distante solo 70 punti.

Oltre a Hunt, Paredes e Navratil, restano due posti per la qualificazione diretta alle World Series 2017: anche qui, le posizioni degli americani Andy Jones e Steven LoBue sembrano molto solide, perché solo un disastro totale, e un piazzamento tra i primi due di Orlando Duque o Sergio Guzman potrebbe scalzarli dalla top 5. Per tutti gli altri partirà la stagione di ripescaggio nei prossimi mesi, già partita con il Marmeeting di Furore (SA) e che terminerà con la Coppa del Mondo FINA 2017: in palio gli altri cinque posti da “titolare” delle World Series 2017.

In campo femminile, un brivido in più per la wildcard più sorprendente di sempre, Rhiannan Iffland; per lei manca ancora il conforto della matematica, che arriverà domani a meno di una prestazione totalmente diversa da quelle fantastiche portate a casa nell’intera stagione: difficile pensare che, dopo quattro medaglie d’oro, una medaglia d’argento e una di bronzo in sei gare, possa arrivare un ultimissimo posto! Finché i conti glielo permetteranno, non si arrenderà Lysanne Richard: la canadese, vincitrice di due tappe quest’anno e già certa della qualificazione 2017, proverà ad aggiudicarsi questa tappa, e tirare le somme solo alla fine!

Anche Cesilie Carlton, attualmente terza in classifica, sarà quasi certamente tra le titolari qualificate per l’anno prossimo sin dalla fine di questa stagione, mentre per l’ultimo posto disponibile da subito per le World Series 2017 si daranno battaglia Ginger Huber, Helena Merten e Adriana Jimenez, racchiuse in appena 30 punti e quindi tutte pienamente in corsa! Qualche speranza è offerta anche a Rachelle Simpson, la campionessa 2015, reduce da una stagione travagliata e con ben due infortuni.

 

Gli atleti “fissi” di questa edizione delle World Series, a eccezione di David Colturi, saranno regolarmente presenti: per gli uomini, i britannici Gary Hunt e Blake Aldridge, gli americani Andy Jones e Steven LoBue, il colombiano Orlando Duque, i messicani Jonathan Paredes e Sergio Guzman, il russo Artem Silchenko e il ceco Michal Navratil; per le donne, le americane Rachelle SimpsonCesilie Carlton e Ginger Huber, la messicana Adriana Jimenez, l’australiana Helena Merten, la canadese Lysanne Richard.

Tra le wildcard per questa tappa anche Alessandro De Rose, che avrà un’altra occasione per migliorare quello che è già il suo best ranking nelle World Series (è attualmente dodicesimo in classifica), e la già citata Rhiannan Iffland.

 

PROGRAMMA GARE (ora italiana)

Giovedì 27 ottobre
19:40 Primo Round Donne
20:00 Primo Round Uomini
20:30 Secondo Round Donne
20:50 Secondo Round Uomini

Venerdì 28 ottobre
21:50 Inizio diretta RedBull TV

22:05 Terzo Round Uomini
22:45 Finale Donne
23:10 Finale Uomini
23:35 Premiazione

La trasmissione delle gare è garantita per l’intera giornata di venerdì, che sarà trasmessa tramite le app di RedBull TV, disponibili per qualsiasi tipo di dispositivo mobile e per le principali console, e sul sito ufficiale delle World Series. La replica verrà resa disponibile qualche minuto dopo l’evento.

Foto: Red Bull Content Pool