Categoria Indoor: Trieste – ori a Batki, Placidi, Porco, Tramentozzi, Pellacani e Baraldi.

  L’ultima giornata di gare dei Campionati Italiani di categoria invernali ha regalato le ultime emozioni agli spettatori della piscina “Bruno Bianchi” di Trieste.

Serratissimo il programma della giornata che non ha praticamente previsto pause tra mattina e pomeriggio: i primi a gareggiare sono stati i ragazzi dal trampolino di 1 metro dove Davide Baraldi (Ice Club Como, 344.15 punti) ha condotto una bella gara che gli ha permesso di vincere in scioltezza, ma sopratutto di raggiungere e superare il punteggio limite per i Campionati Europei giovanili, con tanto di lacrime di gioia del suo allenatore Alberto Azzola.

In seconda posizione, ma fuori gara, Eduard Timbretti (Blu 2006, 294.30 punti), e con lui sul secondo gradino del podio Loris Sembiante (Fiamme Oro, 292.30 punti). La medaglia di bronzo é andata invece al “piccolo” Francesco Caputo (Cosenza Nuoto) con 267.25 punti.  

   
Nella prova femminile dalla piattaforma per la categoria ragazze trionfa la MR Sport che ha piazzato tre atlete sul podio: oro a Chiara Pellacani (269.45 punti) che chiude così l’en-plein, argento a Giulia Vittorioso (261.40 punti) e bronzo a Silvia Murianni (223.95 punti). 

   
  Anche la vincitrice della gara dal trampolino di 3 metri per la categorie juniores femmine é stata artefice in questi giorni  di tre successi consecutivi: Camilla Tramentozzi (Dibiasi, 348.95 punti) si é cosí portata a casa la terza medaglia d’oro consecutiva, lasciandosi definitivamente alle spalle i problemi visti al Trofeo di Natale.

Il resto del podio é di quelli che non ti aspetti: con Laura Granelli e Silvia D’Alessio k.o. per via dei troppi errori, ad approffitarne sono state Emma Rauter (CC Aniene) e Alice Poboni (Triestina Nuoto); entrambe molto regolari la Rauter ha totalizzato 292.30 punti e la medaglia d’argento e la Poboni 288.15 punti e la medaglia di bronzo. 

   
La prova seniores dalla piattaforma ha visto gareggiare insieme sia maschi che femmine, ovviamente con due classifiche separate; nella gara maschile grandi assenti, Francesco Dell’Uomo e Maicol Verzotto, e per Mattia Placidi (Dibiasi) la gara é stata una questione di routine. Con 318.30 punti Placidi ha portato a casa la medaglia d’oro e  ha messo una bella ipoteca sulla qualifica per i Campionati D’Europa di Londra.

Dietro di lui un gradito ritorno nella specialitá: Tommaso Rinaldi (Marina Militare, 271.10 punti) ha preso parte alla gara, presentando un programma di tuffi dalla piattaforma di 5 metri ben eseguito e che lo ha portato a vincere la medaglia d’argento. In terza posizione un altro atleta della Marina Militare, Lorenzo Marsaglia con 259.80 punti. 

   

Nella gara femminile prova di “rappresentanza” – cosí ha dichiarato dopo la gara – per Noemi Batki (CS Esercito) che ha portato un programma di tuffi ridotto, con alcuni salti anche dalla piattaforma di 5 metri. La triestina ha comunque vinto, con il punteggio di 237.50. Medaglia d’argento a Paola Flaminio (MR Sport), unica atleta ad eseguire tutti i tuffi da 10 metri: per lei 206.75 punti; bene anche Flavia Pallotta (Dibiasi) terza classificata con 165.80 punti. 

   
L’ultima gara dei Campionati é stata quella dal trampolino di tre metri maschile categoria juniores, con protagonisti Andrea Cosoli (Dibiasi), Antonio Volpe (Cosenza Nuoto) e Francesco Porco (Cosenza Nuoto): tutti e tre hanno presentato un programma gara competitivo, con tuffi dal coefficiente di difficoltá abbastanza alto.

La vittoria é andata meritatamente a Francesco Porco con 501.20 punti, la medaglia d’argento ad Antonio Volpe con 489.75 punti e quella di bronzo a Andrea Cosoli con 465.90 punti. 

   
La classifica di societá vede al primo posto la Cosenza Nuoto, 246.00 punti, al secondo la Canottieri Aniene, 235.50 punti, e al terzo posto la Triestina Nuoto, 231.00.