Fina Diving World Series 2015: Merida – la stanchezza si fa sentire…

CGMU9wEU0AABxZB

… Se non per tutti, per la maggior parte!

Nel primo giorno di gare dell’ultima tappa delle WS 2015, a Merida in Messico, si sono visti parecchi errori anche da alcuni atleti che non ti aspetti di veder sbagliare.

Come sempre questa notte si sono tenute le gare dei tuffi sincronizzati: nella prima prova in programma, sincro piattaforma femminile, vittoria delle cinesi Si Yajie e Lian Jie, ma le canadesi Filion e Benfeito non hanno mollato di un centimetro, finendo ad appena cinque punti dalle vincitrici. Alle loro spalle, invece, sono andate maluccio le britanniche Couch e Barrow, che hanno sbagliato sia il triplo e mezzo avanti che il triplo e mezzo ritornato, e le australiane Wu e Tarvit (la prima ha sbagliato l’esecuzione sempre del ritornato). Ad andare a podio sono state quindi le malesi Leong e Cheong.
La classifica finale delle World Series – che, ricordiamo, vale solo per le nazioni nel sincro, e per gli atleti in individuale, che hanno preso parte a tutte le tappe – vede la Cina al massimo con 162 punti, seguita dal Canada a 132, dalla Malaysia a 120 e dalla Gran Bretagna a 105.

1

Prime sorprese dal sincro piattaforma maschile, con i cinesi di riserva Tai Xiaohu e Lian Junjie addirittura ultimi, dopo gli errori sul triplo e mezzo rovesciato e sul quadruplo e mezzo avanti, decisamente non all’altezza della loro tradizione. Si è liberato così un posto sul podio che è andato agli “immortali” cubani José Guerra e Jeinkler Aguirre, mentre messicani e tedeschi se la sono giocata per l’oro anziché per l’argento: a prevalere, di 9 punti circa, i padroni di Garcia-Sanchez su Hausding e Klein, grazie soprattutto all’ottimo punteggio dei messicani sul doppio e mezzo con tre avvitamenti.
Classifica finale: Cina 147, Germania 135, Messico 132, Cuba 96, Canada 79.5, Colombia 75.

2

Nel pomeriggio (tarda notte in Italia) si è proseguito col sincro dai trampolini. Le supercampionesse He Zi e Wang Han sono state ottime ma non eccezionali come sempre, “limitandosi”, alla media dell’8-8.5; la lotta a tre tra canadesi, messicane e australiane hanno visto prevalere, a sorpresa, queste ultime: Qin e Mills hanno conquistato l’argento con una prova senza sbavature, mentre Abel e Ware, che pure hanno nel loro arsenale il temibile doppio-con-doppio, hanno peccato sul triplo e mezzo avanti.
Classifica finale: Cina 162, Canada 126, Gran Bretagna 96, Ucraina 78.

3

Ultima gara il sincro 3 metri maschile: al secondo libero si sono ritrovati a sbagliare russi (sul doppio e mezzo indietro) e britannici (sul triplo e mezzo rovesciato), al terzo statunitensi (ancora il rovesciato) e messicani (triplo e mezzo ritornato)! L’ultima rotazione di tuffi è stata veramente emozionante, ma tutte le coppie si sono tuffate molto bene per chiudere la loro gara: neanche a dirlo, l’oro è andato ai fratelli He Chao e He Chong, l’argento ai padroni di casa Pacheco-Ocampo (molto ben premiati sul quadruplo e mezzo finale), il bronzo ai regolari tedeschi Hausding-Feck. Quarti a grande sorpresa i canadesi Gagne e Imbeau-Dulac: che finalmente il Canada abbia trovato la quadratura del cerchio in una disciplina dove faticava a trovare un erede di Despatie?
Classifica finale: Cina 162, Messico 117, Germania 111, Canada 84.

4

(Foto: Rebecca Gallantree)