Campionati Italiani di categoria indoor: 3° giorno, tra conferme e sorprese

IMG-20150208-WA0011

Ultima giornata di gare alla Bruno Bianchi di Trieste, per completare il medagliere e la classifica per società dei campionati italiani di categoria invernali.

Ad aprire la mattinata sono stati gli atleti della categoria Ragazzi: la gara maschile dal metro ha visto Antonio Volpe (Cosenza Nuoto) conquistare la sua seconda medaglia d’oro con il notevole punteggio di 320.90 punti. Staccati i due atleti delle Fiamme Oro sul podio con lui: Alessio Moneta si ferma a 297.45 punti, Loris Sembiante a 283.65 punti.

IMG-20150208-WA0008

IMG-20150208-WA0000

Più intensa la gara femminile da tre metri, dove almeno sei atlete hanno combattuto fino all’ultimo non solo per un piazzamento sul podio, ma anche per una posizione utile ai fini delle qualificazioni internazionali. A spuntarla è stata Francesca De Gregorio (CC Aniene), che con gli ultimi due tuffi – doppio e mezzo avanti e uno e mezzo ritornato – molto ben eseguiti, ha raggiunto 267.45 punti e sopravanzato Alice Tognetti (Triestina Nuoto, 263.70 punti) e Livia Cosoli (Dibiasi, 258.15 punti).

IMG-20150208-WA0010

IMG-20150208-WA0012

L’ultima gara della mattina, la piattaforma juniores maschile, ha vistola vittoria di Vladimir Barbu (Bolzano Nuoto), che con i suoi 426.15 punti ha superato Samuel D’Alessandro (Triestina Nuoto, 404.65 punti) e Francesco Porco (Cosenza Nuoto, 396.50 punti). In realtà due errori consecutivi sui tripli e mezzo sembravano aver messo Barbu in ombra fino a tre tuffi dalla fine, ma poi i coefficienti molto più alti e ottimi gradi di esecuzione (Barbu ha infatti eseguito obbligatori e rotazioni avanti da 10 metri, e gli altri tre da 7.5) rispetto a quelli di D’Alessandro e Porco hanno permesso che la rimonta si compiesse.

IMG-20150208-WA0006

IMG-20150208-WA0001

Nel pomeriggio, come di consueto in anticipo rispetto ai primi due giorni, si è iniziato con l’ultima gara giovanile, i 3 metri juniores femminili. Giulia Rogantin (Triestina Nuoto) è tornata sul podio dopo la gara dal metro di venerdì, ma in seconda posizione: i suoi 317.75 punti infatti sono appena bastati per tenere a bada Flavia Pallotta (Dibiasi, 315.25 punti), mentre la vittoria è andata a Laura Anna Granelli (Bergamo Nuoto) che con una gara praticamente perfetta – l’unico errore è arrivato infatti a gara già “chiusa”, all’ultimo tuffo – ha totalizzato ben 354.60 punti.

IMG-20150208-WA0002

 

La gara senior dalla piattaforma si è tenuta a ranghi quasi completi, con la sola Batki assente (per infortunio occorsole mentre si allenava a Plymouth), ma il solo Francesco dell’Uomo (Fiamme Oro), vincitore della gara maschile, ha portato il programma completo da 10 metri, avvicinando quota 400 punti – 398.40 per la precisione – già alla prima gara dell’anno. Prevedibilmente, Maicol Verzotto (Fiamme Oro) si è aggiudicato la seconda piazza con 371.50, mentre Luca Polizzi (Dibiasi) ha saputo capitalizzare al meglio i punteggi alti dei primi due tuffi e gli errori degli altri partecipanti, conquistando il bronzo con 256.20 punti. In campo femminile, Elena Bertocchi (Esercito) si conferma dopo l’ottimo oro dal metro di ieri: pur non accennando a tornare sulla piattaforma più alta e con errori nelle rotazioni indietro, si è aggiudicata nuovamente il primo posto con 203.40 punti. Con Giulia Belsasso in giornata nerissima, le altre due posizioni sul podio sono state appannaggio dell’emergente Chiara Franco (Canottieri Milano, 184.40 punti) e della veterana Brenda Spaziani (Fiamme Azzurre, 183.65 punti), che l’hanno spuntata in una gara sul filo dei centesimi di punto.

IMG-20150208-WA0003

IMG-20150208-WA0004

È il Circolo Canottieri Aniene, infine, ad aggiudicarsi con un netto distacco la classifica per società, con ben 306 punti. Seconda la Dibiasi, ferma a 277 punti, mentre la Triestina Nuoto, grazie all’exploit in campo femminile (migliore nella classifica apposita), conquista la terza piazza con 209 punti.

IMG-20150208-WA0005

Il prossimo appuntamento della stagione è la Coppa Rio 2016, la competizione di selezione “open” che va quest’anno di scena a Bolzano tra un mese esatto. Per molti sarà già vietato sbagliare, in vista di Rostock!