Fina Diving Grand Prix: Bolzano – il report della prima giornata.

20140801-204613-74773233.jpgLa prima giornata di gare del GP di Bolzano e’ iniziata bene: dei 4 trampolinisti impegnati nell’eliminatoria dal trampolino di 3 metri due, come da regolamento FINA, sono passati in finale: Tommaso Rinaldi, che ha chiuso 5° con 400.40 e Michele Benedetti 6° con 396.70.

Eliminato, anche se era dentro i 12 atleti classificati, Andrea Chiarabini 9° con 373.80, mentre Giovanni Tocci ha concluso in 17° posizione con 346.20 punti.

Bene anche la new entry dalla piattaforma: Giulia Belsasso alla sua prima gara internazionale assoluta ha passato il turno con la 9° posizione e 243.55 punti.

Nel primo pomeriggio si sono svolte le semifinali: come sempre gli atleti “dispari” si sono sfidati nella semifinale “A” mentre I “pari” in quella “B”.
Per Benedetti ennesima qualifica: per lui 413.05 punti e la terza posizione dietro ai giapponesi Terauchi e Sakai: cio’ vuol dire che lo rivedremo in finale sabato pomeriggio; meno bene la prestazione di Rinaldi: galeotto fu il triplo e mezzo ritornato che gli ha fruttato solo 56 punti… Peccato perche’ ai recenti Assoluti e’ stato uno dei suoi migliori; Tommaso ha chiuso 5° con 388.80 punti.

E purtroppo in semifinale si è fermata anche la Belsasso, che attualmente non avrebbe comunque potuto rivaleggiare con le prime tre tuffatrici qualificate, le cinesi Yu Jie Xia, Bing Qing Xia e la giapponese Minami Itahashi, ma ha anche comesso un errore nel doppio e mezzo rovesciato.

Per lei la sesta posizione e 235.70 punti.

E alle 18 abbiamo assistito alle prime finali di questo Gran Premio di tuffi, con Francesco Dell’Uomo e Maicol Verzotto purtroppi assenti nei tuffi sincronizzati da 10 metri: Maicol infatti ancora “paga” per la botta presa al polso destro alla Coppa del Mondo e ha preferito stare a riposo per arrivare nelle condizioni migliori agli Europei.

A chiudere questa prima giornata Tania Cagnotto con Francesca Dallape’ in sicro dal trampolino di 3 metri: una finale senza particolari avversarie e dove le nostre azzurre hanno vinto con una prestazione buona, ma non eccezionale; dopo le molte gare internazionali e qualche acciacco la coppia ha ripreso da poco ad allenarsi a pieno regime: é normale quindi aver assistito oggi a tuffi ancora poco precisi, ma che comunque sono stati piú che sufficienti per portare a casa la prima medaglia d’oro.