Torino 2011: terzo giorno – finali.

E l’Italia e’ ancora d’oro!!!

Grazie alla splendida prova di Tania Cagnotto, che ha dominato la finale dal trampolino da un metro con una gara impeccabile (venti i punti di distacco dalla seconda) l’Italia sale nuovamente sul gradino piu’ alto del podio.

Come dicevamo la gara dell’Azzurra e’ stata eccezionale : fin dal primo tuffo si e’ vista subito la determinazione e la concentrazione di chi ha tutta l’intenzione di non lasciare nulla al caso. E cosi’ e’ stato.

“Sono molto contenta perché nelle eliminatorie non ero andata bene – racconta Tania Cagnotto – Prima della finale ero parecchio agitata e nel presalto poco fluida, così nel corso della gara mi sono concentrata su me stessa, senza considerare le altre. Ho iniziato bene: il ritornato mi ha trasmesso tranquillità. Poi ho scalato la montagna più impervia, il doppio e mezzo avanti. Da lì ho proseguito con serenità. Ormai ogni successo è sempre più sofferto: una volta ero sbarazzina, spensierata, oggi sento molta più pressione e per una competizione come i tuffi, che necessità di grande concentrazione, diventa fondamentale controllarla. Ora mi attendo i tre metri e il sincro. C’è una qualificazione olimpica da raggiungere, ci proverò. Mi consentirebbe di allenarmi con maggiore serenità fino a Londra 2012”.

Putroppo ancora giù dal podio Maria Marconi che non nasconde la delusione per una gara condotta sempre a limite del bronzo.

“Mi dispiace sono arrabbiata perchè come a Budapest lo scorso anno non sono stata premiata negli ultimi due tuffi – aggiunge Maria, la più piccola dei fratelli Marconi – purtroppo è di nuovo quarto posto e non posso farci niente. Probabilmente il terzo tuffo (uno e mezzo indietro carpiato) lo potevo fare meglio, ma non posso rimproverarmi niente. Domani cercherò di scaricare tutta la mia rabbia già dalle eliminatorie dai tre metri dove mi sento più sicura”.

Ecco i RISULTATI completi della finale.
Buona la prestazione della coppia Benedetti/Rinaldi, anche se in mattinata avevano ottenuto un punteggio piu’ alto.
Un po l’emozione della finale, un po’ il nuovo tuffo ad alto coefficente, un po’ l’errore di Rinaldi nell’entrata dell’avvitamento rovesciato e si fa in fretta a perdere punti e posizioni in una gara di alto livello come quella di oggi. Ma noi sappiamo che questa e’ una coppia giovane, chiamata a gareggiare all’ultimo momento per sostituire i fratelli Marconi e che per questo ha bisogno di fare esperienza e gareggiare il piu’ possibile: i risultati arriveranno!

La gara e’ stata molto combattuta da quattro coppie  fino all’ultimo tuffo : Germania, Francia, Russia e Ucraina. Non sono mancati i colpi di scena: l’errore del tedesco Hausding sul presalto del triplo e mezzo rovesciato, quello dei russi sul quadruplo e mezzo avanti o quello, clamoroso, della coppia ucraina dove Pigorov, nel doppio e mezzo ritornato (il loro tuffo piu’ facile), non si allontana troppo dal trampolino e finisce per colpirlo con i piedi!

Alla fine l’hanno spuntata i Russi, seguiti da Germani e Francia. Per i nostri azzurri il settimo posto.

La CLASSIFICA FINALE.