Menu Chiudi

NewSplash: un grave infortunio tra le giovanili in Russia

Posted in Diving, Estero, NewSplash, Tuffi

La Kremlin Cup, competizione giovanile russa di tuffi in corso la scorsa settimana, è stata sospesa a causa di un gravissimo infortunio subito da uno dei partecipanti, un tuffatore tredicenne della squadra di Kazan’. Dopo aver subito un delicatissimo e lungo intervento che ha coinvolto il cranio e le prime vertebre del collo, e che ha reso necessari diversi giorni di coma indotto, il ragazzo si è svegliato nella giornata di ieri ed è ora cosciente.

Ne ha dato notizia per prima l’agenzia di stampa russa RIA Novosti riprendendo un comunicato della federazione, mentre maggiori dettagli sono arrivati da un’importante testata di Kazan’, Realnoe Vremya, da diversi altri media della nazione e da un gruppo sportivo su Telegram, un social molto attivo e popolare in Russia.

Artemiy Tokarev, promessa delle squadre giovanili russe, ha colpito la piattaforma da 5 metri con testa e collo, subendo una frattura; prontamente soccorso e trasportato in uno dei maggiori ospedali di Mosca, è stato sottoposto domenica scorsa all’intervento che, con tutta probabilità, gli ha salvato la vita. Nella giornata di ieri Tokarev è stato fatto svegliare dal coma e sembra che fortunatamente non abbia subito danni neurologici irreversibili, perché riesce a muovere gli arti correttamente, ma dovrà restare ancora diverse settimane in ospedale.

Il ministro dello sport del Tatarstan, repubblica autonoma all’interno della federazione russa, Vladimir Leonov, ha assicurato assistenza alla famiglia sia dal punto di vista medico e morale, sia finanziario: la madre del tuffatore è ospite a spese dello stato in un appartamento adiacente al complesso ospedaliero in cui si trova, così che il ragazzo possa seguire le lunghe cure riabilitative di cui avrà bisogno, ed entrambi hanno ricevuto il supporto di una psicologa. Al momento è ancora prematuro parlare della possibilità di riprendere lo sport.

Nota: le fonti giornalistiche riportano un’età leggermente inferiore a quanto risulta dagli archivi in nostro possesso.

 

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.