Campionati Mondiali: Gwangju – niente semifinale per Verzotto e Giovannini.

A Gwangju, nel corso della notte italiana, si è svolta l’ultima eliminatoria dei Campionati Mondiali, quella maschile dalla piattaforma con gli azzurri Maicol Verzotto e Riccardo Giovannini.

Purtroppo nessuno dei due tuffatori italiani è riuscito a conquistarsi un posto tra i primi diciotto, posizione che avrebbe garantito loro il passaggio in semifinale. L’esordiente Giovannini, classe 2003, forse tradito dall’emozione al suo esordio al Mondiale ha iniziato la gara con il piede sbagliato: una partenza fin troppo decisa nel doppio e mezzo rovesciato lo ha fatto finire molto abbondante e per Riccardo la gara si è fatta subito molto più difficile di quanto già non fosse.

L’azzurro non si è perso d’animo e ha proseguito con dei buoni tuffi, soprattutto il triplo e mezzo indietro, ma i suoi sforzi non sono bastati per farlo recuperare ed ha così concluso la prova al trentaquattresimo posto e 319,20 punti. È comunque tutta esperienza in più per un atleta giovane che potrà solo crescere e migliorare ancora di più.

Una gara più regolare quella di Verzotto, che però ha commesso un’imprecisione nell’entrata in acqua del triplo e mezzo ritornato, finito leggermente scarso; buoni tutti gli altri suoi tuffi, ma non gli hanno permesso di scalare più di tanto la classifica e così Maicol ha ottenuto il ventiquattresimo posto con 346,20 punti.

Come sempre in testa un tuffatore della squadra cinese, Yang Jian, ma Thomas Daley è subito dietro di lui a dividerlo dal suo connazionale Yang Hao; incredibilmente in quarta posizione troviamo il coreano Woo Haram, che per ora ha preso parte con grande successo a tutte le prove maschili di questo mondiale.

E attenzione anche al nuovo fenomeno ucraino Oleksii Sereda che nonostante abbia solo 13 anni si è piazzato all’ottavo posto, tra i migliori tuffatori del mondo.

La semifinale inizierà alle 8:30 italiane, mentre alle 13:45 si disputerà la finale femminile da 3 metri, anche questa senza tuffatrici azzurre.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


quattro × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.