Campionati Mondiali : Shanghai – i risultati del settimo giorno – la finale maschile.

Durante la finale dei tre metri maschili i due tuffatori russi Ilya Zakharov e Evgeny Kuznetsov hanno sorpreso il pubblico con le loro medaglie d’argento e di bronzo. Il cinque volte campione del mondo e medaglia d’oro di Pechino Qin Kai è “solo” arrivato quarto mentre la medaglia d’oro è andata al campione olimpico e campione del mondo del 2009 He Chong.Qin Kai aveva ottenuto il  miglior risultato in eliminatoria – 4.35 davanti a He Chong. In semifinale, i due tuffatori cinesi hanno invertito le loro posizioni ed i loro risultati sono stati quasi pari con una differenza di soli 0,25 punti.

 
Zakharov invece aveva ottenuto il terzo miglior punteggio in entrambi i casi. E’ stato il rivale più evidente per i cinesi fra tutti i concorrenti grazie sopratutto alla difficoltà dei suoi tuffi. La somma delle difficoltà di He Chong è di 20,3, mentre quella di Qin Kai è di 20.4. Zakharov ha un impressionante 30,5.
Anche il programma di tuffi di Kuznetsov era molto difficile (30,0) ma lui non ci era sembrato un possibile pretendente al podio: in eliminatoria infatti aveva concluso sesto, ed in semifinale settimo.Si potrebbe dire che Zakharov e Kuznetsov sono stati anche fortunati nella loro prima finale in un Campionato del Mondo: nel quinto round della finale, Qin Kai ha commesso un terribile errore.

 
Durante l’esecuzione del quadruplo e mezzo in avanti la sua mano destra è scivolata dalla gamba. In ogni caso, è stato un grande esempio per tutti su come cogliere al volo l’occasione. L’ultimo tuffo di entrambi i russi è stato meraviglioso,entrambi hanno eseguito il quadruplo e mezzo in avanti: Zakharov ha ottenuto 85,50 punti, mentre Kuznetsov ne ha fatti 95,00.”Mi sento molto dispiaciuto per Qin Kai”, ha detto Zakharov. “So bene quanto sia terribile  ‘perdere’ una gamba in aria. Ho avuto la stessa esperienza un paio di anni fa, tuffandomi dalla piattaforma di 10 metri. Sono caduto molto male, sono stato portato in ospedale. Ma il nostro sport è crudele. Non ci sono amici durante la competizione. Ecco perché io sono solo felice di aver afferrato la mia occasione, in modo positivo “.