Fina Diving Grand Prix : Bolzano – i risultati del terzo giorno.

Fonte : F.I.N.

L’utlima giornata del 17° Fina Diving Grand Prix si è aperta alle 8.30 con i tuffi di riscaldamento.

 Alle 9.30 è iniziata la prima delle sei gare in programma, la finale diretta del trampolino 1 metro femminile: 22 atlete e 5 tuffi ciascuna.

Vince Anna Lindberg. La svedese totalizza 289.10 punti e supera la cinese Huang Hui, seconda con 264.35. Terza è la messicana Laura Sanchez con 262.60.

Per l’Italia Elena Bertocchi è quinta con 245.25 e il suo allenatore Dario Scola è abbastanza soddisfatto. “Considerando che avvertiva ancora fastidio alla schiena per il colpo subito in allenamento, che l’aveva costretta a rinunciare ai tre metri – spiega il tecnico – è andata bene. Un po’ di incertezza nei primi due tuffi, dovuta più alla paura di farsi male che altro. Poi sicura. Peccato, perché il podio era alla sua portata. Adesso ci prepariamo per gli Europei Junior dove gareggerà da 1 e 3 metri”.

Le altre azzurre Noemi Batki, che ha evitato di saltare dalla piattaforma per precauzione, e Michelle Turco si sono classificate la prima decima con 228.25 punti e la seconda diciassettesima con 214.60

Nella finale dei 3 metri sincro due le coppie azzurre , ma il regolamento internazionale prevede che soltanto la migliore può rientrare in classifica.

Sul podio ci salgono Nicola e Tommaso Marconi, secondi con 371.82 punti; Michele Benedetti e Tommaso Rinaldi, che con 363.51 sarebbero arrivati terzi, sono avanti nel punteggio generale per la convocazione ai Mondiali di Shanghai che prevede anche le gare precedenti di Coppa Londra e degli Assoluti.

Undici squadre al via e sei salti ciascuna : ha vinto la coppia francese composta da Damien Cely e Matthieu Rosset con 391.44 e terzi i greci Stefanos Paparounas e Alexandros Manos con 362.40.
“Le nostre due coppie in questo momento si equivalgono – commenta il CT della Nazionale Giorgio Cagnotto – come ha dimostrato anche questa gara. Tommaso e Nicola Marconi hanno dalla loro l’esperienza, Michele Benedetti e Tommaso Rinaldi sono la coppia più giovane, su cui puntiamo in previsione futura, che deve aumentare il coefficiente di difficoltà”.

La giornata continua con la piattaforma sincro femminile dove non ci sono azzurre in gara. 

La sessione pomeridiana dell’ultima giornata di gare al Lido di Bolzano è iniziata con la finale del trampolino da 1 metro uomini.

Ventotto atleti partecipanti, sei salti e sei azzurri; il primo degli italiani è l’esordiente, italo-svizzero Jonathan Malusardi con 348.25 punti, settimo nella classifica generale del meeting internazionale.

“E’ cresciuto molto – dice il suo allenatore Oscar Bertone – e qui ha fatto una buona gara, ma ha sbagliato il doppio e mezzo avanti con un avvitamento, il tuffo con coefficiente di 3.2 che abbiamo inserito ultimamente nel suo programma per provare a qualificarci ai Mondiali”.

Finale vinta dal cinese Sun Zhiyi con 413 punti, seguito dal francese Mathieu Rosset con 407.90 e dallo spagnolo Javier Illana con 396.10.

Gli altri italiani in gara: ottavo Michele Benedetti 346.80, nono Mattia Placidi 341.90, undicesimo Tommaso Rinaldi 334.55, diciannovesimo Christopher Sacchin 319.15 e ventisettesimo David Niederkofler 272.05 (quest’ultimo di Bolzano come Sacchin).
La piattaforma sincro femminile, dove non c’erano azzurre in gara, è stata vinta dalle cinesi Xia Yuhua e Ke Tingting con 347.40 punti.

Nella penultima gara della tre giorni di tuffi al Lido è arrivata la decima medaglia della Cina. La sesta d’oro.

Sui trampolini dei tre metri sincro, gli stessi che il 29 giugno scorso avevano visto vincere Tania Cagnotto e Francesca Dallapè con 312.90, campionesse d’Europa e Budapest 2010 e Torino 2011, si sono imposte Huang Hui e Zheng Shuangxue con 302.40.

a squadra nazionale cinese entra così in doppia cifra e domina dall’alto il medagliere della tappa italiana del 17° Fina Diving Grand Prix (6 ori, 3 argenti e 1 bronzo).
Seconde le canadesi Carol Ann e Pamela Ware con 273.48 e terze le messicane Daniela Ramirez e Laura Sanchez con 267.18.

Ultima la coppia azzurra composta da Maria Elisabetta Marconi e Michelle Turco con 196.89 punti a causa del loro ultimo tuffo, doppio mortale e mezzo avanti con avvitamento carpiato, nullo.

La giornata e il 17° Grand Prix si concludono con la finale della piattaforma sincro uomini che vede dai dieci metri Francesco Dell’Uomo e Maicol Verzotto.

A vincere l’ultima gara di questo GP Fina sonoYing Hong e Luguang Yang vincono , con 464.34 punti e la soddisfazione di aver totalizzato 96 punti con il quinto tuffo (triplo salto mortale e mezzo indietro carpiato, coefficiente 3,6).

I nostri due azzurri Dell’Uomo e Verzotto sono quarti con 387.93. 

“Francesco e Maicol hanno fatto un’ottima gara – commenta il Commissario Tecnico della Nazionale di tuffi Giorgio Cagnotto – che teniamo in considerazione per i Mondiali, così come consideriamo il sincro da tre metri uomini, dove abbiamo due coppie sullo stesso livello. Nei prossimi giorni decideremo la squadra da convocare per Shaghai, dove copriremo quasi tutte le gare”.

Cagnotto torna sulla prova convincente di Francesca Dallapè dai tre metri individuali. “E’ stata la notizia più bella di questo Grand Prix. Sappiamo che il suo punto debole è il doppio salto mortale e mezzo rovesciato carpiato, ma da sabato abbiamo motivo di credere che stia migliorando. Ha fatto quattro ottimi tuffi e  ha affrontato l’ultimo con la testa giusta. L’ho vista determinata e più sicura”.
Secondi e medaglie d’argento i messicani Ivan Garcia e German Sanchez con 419.52 e terzi i bielorussi Vadzim Kaptur e Timofei Hordeichik con 403.14.

  
La tappa di Bolzano ha visto trionfare la Cina, seguita da un gruppo di tifosi appassionati, che vivono e lavorano in città. Per la Nazione che ospiterà i prossimi campionati del mondo e che nei tuffi è la Regina il primo posto nel medagliere di Bolzano con 11 medaglie: 7 d’oro, 3 d’argento, 1 di bronzo.

E’ salita sul podio in tutte le gare alle quali ha partecipato. Per l’Italia, insieme all’argento di Francesca Dallapè nei tre metri individuali, è arrivato l’argento dei fratelli Tommaso  e Nicola Marconi dal trampolino 3 metri sincro.