Fina GP: Bolzano – Cagnotto, Marconi e Placidi in semifinale.


Seconda mattinata di eliminatorie per il Grand Prix Fina a Bolzano: migliorano le condizioni climatiche e gli azzurri continuano a gareggiare con ottimi risultati.

La prima delle due eliminatorie, il trampolino 3 metri femminile, ha visto la partecipazione di 32 tuffatrici e ben 4 azzurre: Tania Cagnotto, Maria Marconi, Francesca Dallapè ed Elena Bertocchi.

Splendia gara per Tania, con margine di miglioramento sul triplo e mezzo avanti, che ha chiuso con la prima posizione e 321.30 punti, 24 di vantaggio sulla cinese Xu. 

Bene anche Maria che si aggiudica l’ottavo posto: doppia soddisfazione per la romana che con questa gara ha fugato tutti i dubbi sulla sua condizione fisica in vista dei Giochi di Rio. Per lei 272.05 punti.

Per Francesca l’undicesimo posto, tra le qualificate ma purtroppo non sará in semifinale: la regola vuole solo due atleti per nazione. Per lei un inizio di gara difficile con due errori, uno nel doppio e mezzo indietro ed uno nel doppio e mezzo rovesciato che le hanno fatto perdere punti preziosi.

Elena ha condotto una gara buona, ma é incappata in un errore troppo grave nel doppio e mezzo rovesciato che ha compromesso tutta la sua prestazione: la milanese ha chiuso a quota 234.40 punti, diciannovesima.

In semifinale, alle 14:30, la Cagnotto affronterá la cinese Wang, le olandesei Jansen e Freitag, l’ucraina Nedobiga e la canadese Lalonde.

La Marconi invece dovrá vedersela con la cinese Xu, la canadese Belanger, l’ucraina Fedorova, la colombiana Pineda e l’egiziana Eissa.

Per la piattaforma maschile solo Mattia Placidi a rappresentare l’Italia: sia Maicol Verzotto che Vladimir Barbu hanno infatti dato forfait.

É stata una gara linga e difficile, sia per il folto numero di avversari, ma sopratutto per il forte vento che ha costretto gli atleti a lunghe attese prima di poter tuffare.

Placidi per tre quarti di gara é rimasto sempre sul filo, tra il dodicesimo ed il tredicesimo posto, ma con l’ultimo tuffo ha dato una svolta all’eliminatoria: il triplo e mezzo rovesciato da 74 punti, il suo salto migliore, gli ha permesso di mettersi al sicuro da qualsiasi rischio e di passare il turno. 

Ha chiuso all’undicesimo posto con 369.45 punti e sará in semifinale con il tedesco Wolfram, il cinese Yang, lo statunitense Cooper, il cinese Xu ed il francese Szymczak.